GROTTAMMARE – L’uomo e i disastri ambientali, un binomio di cui troppo spesso sentiamo parlare e di fronte al quale il singolo individuo si sente impotente. Ma cosa possiamo fare per non restare in silenzio? Gli artisti locali se lo sono chiesti in una collettiva d’arte dal titolo: “La ferita sanguinante del Messico”, per riflettere sul rapporto dell’uomo con l’ecosistema di cui fa parte, a partire da uno dei più recenti e colossali disastri ecologici, la marea nera di petrolio che ha divorato le acque del golfo del Messico. “Una mostra “libera, spontanea, pensosa, talvolta arrabbiata, ma in fondo ottimista”, garantisce il curatore della mostra Raffaele Venieri. Dal 10 al 13 agosto, “Vicolo dei Pittori”, nella piazza Pericle Fazzini di Grottammare, grazie alla collaborazione di Spazio Venieri, Martina Gaspari, Martintype, I Lunedì del Sole, Assoartisti dell’Adriatico, Antonio Casilio, Comune di Grottammare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 117 volte, 1 oggi)