ASCOLI PICENO – Un altro passo verso l’aggregazioe della Val Vibrata ( e della Valle Castellana) con la Provincia di Ascoli. Stamattina, mercoledì 28 luglio, il presidente della provincia Piero Celani ha incontrato a Palazzo San Filippo il direttivo dell’associazione “Vibrata Picena”, il comitato spontaneo di cittadini che si batte con passione ed entusiasmo per l’unione con il territorio piceno.

La delegazione era guidata dal presidente Giancarlo Viscioni ed erano presenti tutti i consiglieri: Giancarlo Garzarelli, Valter Lattanzi, Serafino Masi e Paolo Triozzi, che hanno illustrato le attività del sodalizio nei confronti delle autonomie locali e della cittadinanza compresa quella di promuovere una campagna referendaria organizzando la necessaria raccolta di firme nei 13 Comuni interessati.

«Con i suoi 81mila abitanti e gli oltre 404 Km di superficie complessiva, la Val Vibrata e la Valle Castellana costituiscono da sempre un polo essenziale di sinergie e scambi con la Provincia di Ascoli – ha dichiarato il presidente Celani – quindi, in caso di aggregazione, avremo tra Ancona e Pescara un territorio-cerniera al confine Marche e Abruzzo di grande importanza per lo sviluppo delle comunità locali coinvolte con la possibilità di promuovere nuovi investimenti, accedere a finanziamenti e realizzare infrastrutture utili alla collettività in un contesto fortemente dinamico e con omogenee peculiarità economiche, sociali e cultuali»

«Un potenziale territoriale rafforzato – ha spiegato ancora Celani – che, oltretutto, ci consentirebbe di avere un peso specifico maggiore nei tavoli decisionali e nell’articolazione di competenze e fondi alla luce del nuovo Codice delle Autonomie in fase di ultima definizione. A questo punto – ha concluso il Presidente Celani – è necessario che l’associazione “Vibrata Picena” inizi a coinvolgere le singole Amministrazioni locali affinché ciascuna possa esprimersi al riguardo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 457 volte, 1 oggi)