SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Pubblichiamo un articolo di Audiweb sulla situazione dell’on line in Italia.

Audiweb pubblica Audiweb Trends, il report della Ricerca di Base sulla diffusione dell’online in Italia e rende disponibile Audiweb Database con i dati di audience online del mese di giugno 2010.
Alla sua VIII edizione Audiweb Trends, il report di sintesi della Ricerca di Base realizzata in collaborazione con Doxa, illustra il trend sulla diffusione del mezzo in Italia tra giugno 2009 e giugno 2010 e la sintesi dei risultati cumulati di quattro cicli di interviste (10.056 interviste complessive) su un campione rappresentativo della popolazione italiana tra gli 11 e i 74 anni.
Rispetto al mese di giugno 2009, cresce del 16,9% la diffusione di internet tra le famiglie italiane. Risultano, infatti, 11,8 milioni le famiglie collegate a internet da casa attraverso almeno uno dei device considerati dalla ricerca (computer di proprietà, computer aziendali, televisori), il 56% delle famiglie con almeno un componente fino a 74 anni, con un incremento del 2,6% rispetto alla rilevazione precedente.
Sono 8,4 milioni le famiglie che dispongono di un collegamento veloce via Adsl o fibra ottica, con un abbonamento flat nel 91,5% dei casi. Rilevante anche l’accesso attraverso le chiavette internet: il 21,1% dei casi, corrispondente a 2,574 milioni di famiglie italiane.

Possono accedere alla Rete da qualsiasi luogo (casa, ufficio, studio, altri luoghi) e strumento 32,5 milioni di Italiani, il 67,7% della popolazione nella fascia considerata dalla ricerca, con un incremento del 10,4% rispetto a giugno 2009.
Ci si collega principalmente da casa tramite computer – 29,8 milioni di persone nel target considerato, pari al 62,1% dei casi -, con percentuali di penetrazione inferiori per quanto riguarda l’accesso da lavoro/ufficio, disponibile per il 38,6% degli italiani occupati (8,881 milioni di italiani complessivamente), da luogo di studio nel 6,3% dei casi (3,046 milioni) e da altri luoghi (internet point, biblioteche, ecc) nel 3,9% dei casi (1,879 milioni).
Cresce del 30,3% rispetto a giugno 2009 l’accesso tramite cellulare, disponibile per 4,7 milioni di italiani (il 9,9% dei casi). Chi dichiara di accedere a internet da cellulare, spende in media dai 16 ai 30 euro nel 41,7% e oltre 30 euro nel 27% dei casi per i servizi di telefonia mobile.

Per quanto riguarda l’audience online, in base ai dati di Audiweb Database – che presenta la stima dell’utilizzo effettivo di internet da casa, ufficio e altri luoghi da parte degli individui italiani di 2 anni e oltre attraverso un PC – nel mese di giugno 2010 risultano 23,783 milioni gli utenti attivi, con un incremento del 12% rispetto allo stesso mese del 2009.
L’audience online nel giorno medio è di 11,731 milioni di utenti attivi, con 1 ora e 31 minuti di tempo speso online quotidianamente e 168 pagine viste per persona. Rispetto al mese di giugno 2009, gli utenti attivi nel giorno medio aumentano del 14,8%.

Sono oltre 5 milioni gli Italiani tra i 35 e i 54 anni che nel mese di giugno hanno navigato nel giorno medio (il 45,8% degli utenti attivi nel giorno medio), consultando 166 pagine per 1 ora e 29 minuti per persona. Gli utenti attivi nel giorno medio tra i 25 e i 34 anni sono 2,6 milioni (il 22,2% degli utenti attivi nel giorno medio), hanno navigato in media per 1 ora e 43 minuti al giorno visitando 195 pagine per persona.
I giovani tra i 18 e i 24 anni – 1,3 milioni – si sono collegati mediamente per 1 ora e 47 minuti al giorno consultando 195 pagine per persona.

Per quanto riguarda l’area geografica di appartenenza, nel giorno medio si registrano 3,6 milioni di utenti attivi dell’area Nord-Ovest (il 24,5% della popolazione di riferimento), 1,9 milioni dell’area Nord-Est (21%), 2,2 milioni del Centro (21,8%) e 3,7 milioni del Sud e Isole (18,6%).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 61 volte, 1 oggi)