MACERATA – Lunedì il giudice per le indagini preliminari ha disposto il ritorno in libertà di quasi tutti gli arrestati dell’inchiesta Ragnatela su un presunto traffico di 100 mila tonnellate di rifiuti tossici. 
Tornano liberi Pietro Palmieri, legale rappresentante della Eco Service, Adriano Bernabei, responsabile commerciale della srl (è anche consigliere di amministrazione della Picenambiente, società non coinvolta dalle indagini), Gianfranco Bernabei, coordinatore operativo, Rodolfo Briganti, rappresentante della discarica ‘Senesi’ e Marcello Cioppettini, l’agente di polizia giudiziaria sospettato di essere la talpa del gruppo. 
Libero anche Giordano Palmieri, responsabile tecnico della Eco Service e Enrico Vita, consulente della discarica di Morrovalle, che erano ai domiciliari. Resta ai domiciliari Paolo Marinelli, in attesa che il Riesame fissi l’udienza di declaratoria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 303 volte, 1 oggi)