MASSIGNANO – «Ogni qual volta noi consiglieri del gruppo “Trasparenza e partecipazione” chiediamo documenti, delibere comunali, nascono problemi ed impedimenti che portano i funzionari comunali ad essere impossibilitati a consegnarci la documentazione che, per diritto, ci spetta avere» dichiarano i consiglieri di minoranza di Massignano.

Secondo l’opposizione l’Amministrazione Mecozzi è rea di aver reso difficile, e a volte impossibile, il rilascio di documenti vari, tra cui quelli relativi al Piano regolatore generale, al sottopasso ferroviario e ad altre questioni che sui cui i consiglieri hanno dichiarato battaglia.

Il gruppo di minoranza denuncia così quella che a loro avviso appare come una «furbizia burocratica che dovrebbe invece lasciare il passo – sempre a loro giudizio –  a comportamenti più nobili e degni di un paese che risiede in una Repubblica Democratica, che fonda le sue radici nel rispetto di tutti, anche dell’avversario».

Sostengono che in questo primo anno del secondo mandato del sindaco Marino Mecozzi, non ci sia stato alcun rispetto per il gruppo di opposizione: «Abbiamo sempre assistito a passaggi di responsabilità inesistenti, pur di non far avere in tempo debito i documenti».  Secondo “Trasparenza e partecipazione” pare ci sia la volontà politica di non voler far arrivare la documentazione alla minoranza: «Ora diciamo basta a questo modo di fare. L’acquisizione della documentazione è un diritto che ogni opposizione deve avere».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 208 volte, 1 oggi)