ASCOLI PICENO – Il progetto di Housing sociale comincia a prendere il via. La fondazione Carisap ha aperto le porte della storica palazzina di Corso di Sotto, ormai quasi pronta dopo un restauro che ne ha risaltato il valore storico dotandola di finiture di pregio e di tutti i comfort.
Ci sono bilocali e trilocali di varie metrature, uno spazio in comune nel palazzo, un giardino e 17 posti auto. Tre piani dotati di ascensore, un’antica cappella restaurata che rappresenta un vero e proprio gioiello e che potrà essere utilizzata come luogo di incontro per tutti gli inquilini. Al momento sono 10 le famiglie scelte dalla Fondazione Carisap, sulla base di parametri economici ma soprattutto della reale volontà di aderire ad un progetto sociale che vede nella cooperazione e nei rapporti di buon vicinato i propri punti cardine.

Non solo prezzi di affitto alla portata di giovani coppie, o di piccoli nuclei familiari,dunque: l’housing sociale è anche un nuovo (o, meglio, antico e perduto) stile di vita, che in molti Stati del nord Europa comincia ad entrare sempre di più nella cultura dei cittadini; in Italia, invece, quello di Ascoli rappresenta il primo vero progetto e la Fondazione Carisap, come hanno spiegato il presidente Vincenzo Marini Marini e il segretario generale Fabrizio Zappasodi, ne va fiera.

Diciassette appartamenti in totale, che saranno riempiti soltanto quando ci saranno nuclei
familiari che dimostreranno di voler realmente abbracciare in pieno il progetto. Le famiglie avranno in affitto i locali per dodici anni, dopodiché dovranno lasciarli. Nel frattempo, però, qualora lo volessero, avranno la possibilità di maturare un tesoretto che potrà tornare utile al termine dei dodici anni per comprare una casa propria magari attraverso un mutuo, anch’esso a tasso agevolato grazie ad un accordo raggiunto dalla Fondazione Carisap con una banca tedesca.
La palazzina è un piccolo gioiello immerso nel pieno centro storico di Ascoli e da alcune finestre si possono godere anche splendide vedute del colle dell’annunziata, del profilo disegnato dai tetti della città o delle verdi terrazze che scendono lungo verso il fiume Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 284 volte, 1 oggi)