SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Trasformare le case da centri di consumo a punti di produzione di energia. E’ il desiderio, nemmeno troppo utopico, della società Ener20 che nei prossimi mesi fornirà impianti fotovoltaici per tetti di 500 abitazioni sambenedettesi.

Una scelta che avverrà solo su richiesta degli stessi residenti, alla quale seguirà un sopralluogo della ditta che intende così stimolare l’attenzione da parte del privato, in genere distaccato nell’affrontare l’argomento.

«Ciò accade – spiega l’assessore all’Ambiente, Paolo Canducci – perché l’installazione iniziale ha un costo corposo e l’ammortizzamento delle spese avviene solo dopo molti anni. In questo caso invece ci troviamo di fronte ad un’offerta completamente gratuita».

L’unico sforzo dei cittadini interessati sarà infatti quello di annullare il precedente contratto con l’azienda di riferimento per l’energia elettrica e passare alla stessa Enerventi, con la quale verrà sottoscritto un nuovo abbonamento.

«La società gestirà l’apparecchiatura e non verrà chiesto un euro – spiega il responsabile della Ener20 Gianluca Lancellotti, affiancato dai collaboratori Emanuele Saccari e Claudio Riccucci – mentre dalla bolletta si ricaverà un risparmio del 70%, al netto delle tasse e delle imposte. Nei condomini bisognerà ovviamente raggiungere l’accordo all’unanimità».

Per quel che riguarda il montaggio degli specchi, questo sarà affidato esclusivamente ad imprese locali: «La grande valenza dell’iniziativa – prosegue Canducci – combacia con la grossa incidenza che avrà sull’economia del territorio».

«San Benedetto sta crescendo – ha dichiarato soddisfatto il sindaco Gaspari – e piano piano si sta cercando di incrementare la cultura nell’ambiente. L’utilizzo dei tetti è meno impattante di quello delle campagne. Certo è però che se non si vuole il Nucleare, questa è l’unica altra possibilità di soluzione. L’alternativa ulteriore sarebbe quella di diventare degli Hamish…».

Per informazioni e contattare l’Ener20, chiamare il 331/1538600 o il 338/9192245.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.585 volte, 1 oggi)