SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il palmares è già di per sé imponente, con ben 13 campionati italiani e 7 Mondiali conquistati. Risultati conseguiti  dal 1988 ad oggi da Andrea Bonezzi, velista 41enne mantovano, ma da qualche tempo residente a Melbourne.

Invitato dal Circolo Nautico Ragn’A Vela, Bonezzi resterà a San Benedetto per una settimana. Una realtà che non era ancora riuscito a conoscere e che l’ha stupito positivamente.

«Da quello che mi racconta mia madre dovrei esserci stato da piccolo, ma sinceramente non me lo ricordo. E’ stata una bella scoperta; avevo avuto modo di conoscere altre città adriatiche come Fano, Numana, Porto Sant’Elpidio, ma San Benedetto mai».

E come le è sembrata?

«E’ un posto a dimensione delle famiglie e dei bambini. A livello velistico invece  ho trovato parecchi giovani validi che ho aiutato e consigliato con piacere. Senza dimenticare i buoni allenatori, che li preparano in maniera eccellente (Nicholas Antonelli e Guido Lupidi, ndr). Purtroppo però accade che con l’ingresso all’università molti ragazzi lascino l’attività per poi riprenderlo oltre i trent’anni».

Questo cosa comporta?

«Un buco decennale, che va dai venti ai trenta-trentacinque anni. A questo punto la gente rientra nella vela, ma non in massa. E in quel lasso di tempo capita di aver perso tutta la professionalità e esperienza accumulata in precedenza».

La realtà del Ragn’A Vela che effetto le ha fatto?

«Positivissimo. L’organizzazione è ottima; sicuramente non avrà a disposizione i fondi di altri Circoli più grandi, ma la passione è tanta. Mi sto trovando davvero bene e anche mio figlio pare entusiasta».

Quella del Ragn’A Vela è un’esperienza nata nel 1999, «quasi abusivamente», come affermano scherzosamente i titolari e delegati del complesso sul lungomare di Porto d’Ascoli.

«In questa zona (nei pressi del Torrente Ragnola, ndr) prima era una discarica a cielo aperto», hanno spiegato Camillo Carminucci e Giulio Domizzi. «I passi avanti fatti sono stati molteplici e per noi questa è motivo di grande orgoglio».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 376 volte, 1 oggi)