SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sintomi di un calcio ormai da riformare: mai erano state così tante le squadre a rischio di esclusione dai campionati professionistici. Quasi due gironi interi di Lega Pro, considerando le 8 squadre già fuori e le 25 che potrebbero essere escluse nei prossimi giorni; più le due marchigiane di serie B. In realtà per molte squadre i problemi appaiono superabili, ma impressiona il fatto che le società arrivino allo “scoglio” dell’iscrizione sempre più col fiatone.
Questo il panorama, con il giudizio sulla gravità della situazione dato dalla Gazzetta dello Sport: in Prima Divisione le società al momento non ammesse sarebbero Cavese, Figline, Marcianise e Salernitana (situazione grave), Arezzo, Foggia, Spal, Triestina e Viareggio (situazione risolvibile). In Seconda Divisione situazione grave per Alghero, Cassino, Legnano, Manfredonia, Villacidrese, Olbia, Potenza e Sangiustese, risolvibile per Chieti, Fondi, Gavorrano, Paganese, Prato, Pro Vasto, Pro Vercelli e Sangiovannese. Nella giornara di mercoledì 7 luglio erano arrivati i deferimenti per Scafatese, Perugia, Pro Vercelli e Igea Virtus.
In serie B per ora sono fuori Ancona e Ascoli, ma già si sapeva. Mentre però i bianconeri dovrebbero cavarsela con una penalizzazione (i soldi per sanare le inadempienze sarebbero stati trovati), lo scenario della società dorica si è fatto molto più problematico. Nei giorni scorsi, per bocca dei vertici societari, si pensava che mancasse solo la fideiussione di 800 mila euro, ma in realtà sarebbe da pagare anche più di 1 milione di euro di contributi previdenziali.
Le società momentaneamente escluse avranno tempo fino alle ore 13 di sabato 10 luglio per depositare il ricorso, allegando tutta la documentazione richiesta. Poi il 15 luglio la Covisoc invierà il proprio parere vincolante al Consiglio Federale, che il 16 luglio ufficializzerà le squadre iscritte ai campionati. Solo successivamente si procederà ai ripescaggi (questo sarà l’ultimo anno: dal prossimo verranno ridotti gli organici dei campionati).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.433 volte, 1 oggi)