ASCOLI PICENO ¬ – E’ stato presentato questa mattina nella Sala De Carolis di palazzo dell’Arengo in piazza Arringo il progetto realizzato da ABI (Associazione Bancaria Italiana) e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) in merito al Tavolo ‘Piano Famiglie’ al quale il Comune di Ascoli Piceno ha aderito. Un progetto che rientra nelle iniziative già messe in atto dall’amministrazione comunale per aiutare le famiglie ascolane in difficoltà e che segue quello già noto degli aiuti scolastici ai figli dei disoccupati, il pacchetto sviluppo, le misure concordate con i sindacati per il sostegno al reddito e il quoziente familiare.

Agevolazioni che possono essere consultate sul sito internet del Comune (www.comune.ascolipiceno.it) cliccando sull’icona ‘Comune Amico’ dove sono presenti tutte le informazioni e i requisiti necessari per poterne avere accesso. Alla conferenza hanno partecipato oltre al sindaco Guido Castelli, anche gli assessori comunali Donatella Ferretti, Valentino Tega e Massimiliano Di Micco. Con loro anche il dottor Aldo Dante amministratore delegato delle Casse del Centro e direttore area Centro di Intesa San Paolo.
«Il progetto dell’ABI – spiega il sindaco Castelli – è contenuto in una Guida informativa che si intitola “Diamo credito alla tua voglia di ripartire. Sei risposte concrete alle famiglie in difficoltà”. Si tratta di vere e proprie istruzioni per l’uso volte a consentire alle famiglie interessate di individuare rapidamente in cosa consistono le misure messe in atto a sostegno delle famiglie colpite dalla crisi, a chi sono rivolte e i passi da compiere per usufruirne. Anche queste informazioni potranno essere consultate sul sito internet del Comune cliccando sull’icona ‘Diamo credito alla famiglia’. Guide che potranno essere ritirate presso la sede dell’assessorato ai servizi sociali in via Giusti e che presentano le novità riguardanti: la Sospensione del pagamento delle rate del mutuo per le famiglie in difficoltà; l’Anticipo da parte della banca dell’indennità di cassa integrazione guadagni straordinaria; il “Prestito della Speranza” per il reinserimento lavorativo di chi ha perso l’occupazione; il “Prestito per i nuovi nati”; il “Prestito per lo studente” e il Prestito garantito dai fondi di prevenzione dell’usura».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 407 volte, 1 oggi)