SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Negli ultimi anni la ricerca scientifica ha posto vivo interesse verso gli antiossidanti, al fine di valutare il loro ruolo sulla salute dell’uomo.

Sappiamo che i radicali liberi sono costituiti da atomi o molecole instabili, che si formano all’interno delle cellule durante i normali processi metabolici, svolgendo una potente azione ossidante: lo “stress ossidativo” che altera, purtroppo, il meccanismo che regola le funzioni vitali. Conseguenza è l’invecchiamento cellulare ed un maggiore rischio a sviluppare malattie degenerative.

Alcuni fattori esterni ne possono accelerare la produzione: agenti inquinanti, raggi ultravioletti, additivi e varie sostanze tossiche, terapie farmacologiche prolungate, errata alimentazione, abuso di alcol, fumo di sigaretta, stress continuo. In condizioni fisiologiche normali, invece, vi è uno stato di equilibrio tra la produzione endogena di radicali liberi e la loro neutralizzazione da parte dei meccanismi antiossidanti dell’organismo.

Ogni giorno, è un’alimentazione varia ed equilibrata ad aiutarci ad introdurre cibi contenenti antiossidanti naturali.  Ed alcune vitamine diventano indispensabili negli stati fisiologici di maggiore fabbisogno come in gravidanza, nelle convalescenze, in periodi di stress psico-fisico o in presenza di alcune malattie, ma anche durante una intensa attività sportiva o quando un non corretto stile di vita mette a repentaglio una buona salute.

Le vitamine, composti organici indispensabili per la crescita e l’integrità delle cellule, non possono essere sintetizzate dall’organismo per cui è necessario assumerle quotidianamente attraverso l’alimentazione e nella maggior parte dei casi, l’apporto attraverso i cibi è sufficiente a soddisfare i fabbisogni, purché siano introdotti in quantità idonee; cause di carenza, possono essere, tuttavia, diete sbilanciate e incomplete o un alterato assorbimento.

Tre sono le vitamine ad azione antiossidante: la C (acido ascorbico), la E (tocoferolo) e il beta-carotene (pigmento vegetale). Meglio introdurle con il cibo anche se numerosi sono gli integratori vitaminici che le contengono. Per la loro azione rigenerante dell’epitelio ed “anti-age” vengono impiegate, anche, in numerosi prodotti cosmetici di bellezza.

La vitamina C può essere considerata il più potente antiossidante presente in natura. Potenzia gli effetti della vitamina A ed E, ed è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema immunitario e la sintesi di collagene nell’organismo, vero e proprio cemento delle cellule dermiche. Se il collagene scarseggia la pelle invecchia precocemente e compaiono le rughe. Oltre ad attenuare sensibilmente l’aspetto delle rughe sottili del viso e del collo, ha azione schiarente sulle macchie cutanee da iperpigmentazioni dovute all’avanzare dell’età. Molto diffusa nel mondo vegetale, in ortaggi appena colti e consumati crudi. Ricchi ne sono il ribes, kiwi, agrumi, fragole, melone, lamponi, peperoni, rucola, spinaci, pomodori, indivia…

La vitamina E rallenta l’invecchiamento cutaneo e contrasta i danni derivanti dall’eccessiva esposizione alle radiazioni UV di sole e lampade.Contenuta nel germe di grano, avocado, mandorle, nocciole, noci, pistacchi, ma anche nell’olio extravergine d’oliva crudo.

Il beta-carotene (pigmento colore giallo-arancione, verde) mantiene integra pelle e mucose e protegge  dall’eccessiva esposizione solare. È presente in abbondanza in tutti gli alimenti di origine vegetale e tra la frutta e verdura di questa stagione: albicocche, melone, pesche, mango, anguria, carote, pomodori, peperoni, lattuga, zucca, spinaci, bietole, lattuga…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 671 volte, 1 oggi)