MONTEPRANDONE – Arte, spettacolo e tradizione per il programma estivo di Monteprandone, tutto raccolto in un pratico opuscolo. Poca spesa per un programma che non rinuncia alla qualità e punta tutto su promozione turistica e valorizzazione del territorio. Non a caso, venerdì 25 giugno, amministratori e organizzatori (il sindaco Stefano Stracci insieme a Fernando Ciarrocchi dell’ufficio cultura e Alessandra Morelli, incaricata alla promozione turistica) hanno scelto di presentare alla stampa l’ “Estate” in una delle strutture ricettive più belle e accoglienti del paese: il residence Borgo da mare, in pieno centro storico. Presentato anche uno degli appuntamenti più attesi: la sfilata di moda “Polvere di stelle” curata dal Centro di Formazione Professionale di Daniela Giobbi, con la collaborazione di numerosi sponsor locali.

«Più di 30 manifestazioni: eventi nel segno della tradizione locale, nuovi spazi musicali, sport, spettacolo, arte contemporanea. Un calendario sobrio che, pur rinunciando ai grandi nomi per carenza di risorse, non mancherà di stupire quanto a qualità di contenuti». Annuncia il sindaco Stefano Stracci. «Quest’anno infatti i tagli alla Cultura sono stati pesantissimi – continua – a fronte di altri tagli che il bilancio 2010 ha imposto. Rispetto alla rassegna estiva dello scorso anno abbiamo ridotto la spesa del 50 per cento. Dai 60/70 mila euro degli scorsi anni siamo passati ai 20/25 mila euro di oggi».

Dalla metà di giugno alla metà di settembre, eventi per tutte le serate.
«Quest’anno purtroppo è stato sospeso “Jazz e non solo”, manifestazione che negli anni si è imposta come punto di riferimento per tutti gli amanti della buona musica e non solo per gli estimatori di nicchia. Voglio precisare che è per mancanza di risorse e non di cultura che abbiamo scelto di cancellarlo, non farlo avrebbe significato svilire la manifestazione. In compenso la musica troverà un nuovo spazio con l’edizione “0” del festival “Cose Pop”, pensato e curato dalla locale Consulta dei giovani come sintesi dei loro gusti musicali».

Tradizione. E’ il percorso dell’estate monteprandonese che negli anni ha visto affermarsi un circuito di sagre eccellenti dal punto di vista gastronomico, nate spontaneamente grazie all‘impegno delle associazioni locali e appoggiate dal Comune. L’intento: «tornare alle origini della sagra, la festa semplice della tradizione agricola che un tempo si svolgeva nelle aie con i piatti tipici della festa», precisa il sindaco.
Si parte il 14 luglio con la “15° Festa panoramica” (Piazza dell‘Unità, Centobuchi). Il 20 luglio, “8° Sagra della pizza” (piazza dell‘Unità, Centobuchi). Dal 26 luglio, “Festa di Sant’Anna. Sagra degli spinosini” (Centro logistico intermodale “O. Marconi“, Centobuchi), anticipata, il 19 luglio, da una presagra, il “Gran galà degli spinosini”, per celebrare il maccheroncino tagliato a mano della nostra tradizione. Il 3 agosto torna la “37° edizione della Sagra delle olive all’ascolana e della birra cruda a caduta” (Boschetto, centro storico di Monteprandone). Le sagre si chiudono l’11 e il 18 agosto, rispettivamente con la “Sagra d’estate” (Piazza dell‘Unità, Centobuchi) e la “Sagra dei prodotti tipici della terra di San Giacomo della Marca” (piazzale antistante il Santuario “Santa Maria delle Grazie“).

Spettacolo. Tra musical, rassegne, danza e moda, anche un nuovo spazio dedicato alla musica, il festival “Cose pop – cose musicali”, i cui appuntamenti partono il 12 luglio con “Il Genio”, gruppo alla ribalta grazie al brano popolarissimo “pop porno” (Parco della Conoscenza, Centobuchi). Il 19 luglio, concerto “Di Maggio Connection” (Boschetto/piazza dell’Aquila, Monteprandone). Il 16 agosto, la musica poetica e minimalista di “Dente” (Parco della Conoscenza, Centobuchi). Il 23 agosto, “A Toys Orchestra”, una delle più apprezzate band italiane di indie rock, che dopo l’anteprima nazionale di luglio farà tappa a Monteprandone (Boschetto/piazza dell’Aquila, Monteprandone).

Arte. Dalle 19 alle 23, aperti tutti luoghi dell’arte sacra e contemporanea del centro storico, per creare una cornice suggestiva alle varie serate. Da segnalare è la mostra di arte contemporanea: “Accesa! Arte illuminata”, a cura di “SpaziomOHOc” di Nazareno Luciani (dal 1 al 29 agosto, Palazzetto Parissi, centro storico). Una collettiva di artisti nazionali e internazionali provenienti dalle accademie, già segnalata da note riviste d’arte come “Juliet”, magazine dedicato alle espressioni artistiche contemporanee.

Infine, una menzione speciale merita la sfilata “Polvere di stelle. La moda degli anni ‘60, ‘70, ‘80”, organizzata dalla Scuola di sartoria di Centobuchi nella quale da anni si formano sarte professionali, familiari e industriali. Domenica 27 giugno dalle ore 18:30, piazza dell’Aquila e gran parte del centro storico saranno chiusi al traffico per ricreare le atmosfere della grande moda del passato.
Un saggio di fine anno in cui sfileranno le alunne della scuola indossando gli abiti da loro stesse confezionati. «Tra le novità di quest’anno – spiega Daniela Giobbi, responsabile del Centro – le vecchie lenzuola della nonna tinte con il “guado”, la pianta usata anticamente per colorare tessuti e dipingere».
Molte le aziende che hanno collaborato all’iniziativa, tra queste: per le acconciature, il “Centro ANAM” di Ascoli rappresentato da Massimo Capriotti, “Ecoservices” per la scenografia. La “Scuderia Automobilady” fornirà le auto d’epoca e “Lilimill – calzature“ offrirà 16 paia di scarpe che poi verranno donate all’associazione missionaria “Croce del Sud” di don Francesco Ciabattoni per finanziare un corso di taglio e cucito in Amazzonia.
Molti altri gli sponsor, che, tra l’altro, metteranno a disposizione i premi in palio per le ragazze estratte a sorte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.201 volte, 1 oggi)