ASCOLI PICENO – Il linguaggio multimediale tanto caro ai ragazzi, quello degli sms, delle chat e dei social network, sta pian piano coinvolgendo anche gli strumenti di comunicazione istituzionali. Nella mattina del 22 giugno infatti, il comune di Ascoli Piceno si è prestato fra i primi per sperimentare il nuovo sistema ‘Emoticon’ che consentirà ai cittadini di esprimere una valutazione immediata sul loro rapporto con gli uffici pubblici.
Verranno installati negli sportelli di front-office dei pulsanti con differenti emoticon o smiley, (in italiano “faccine”) ossia delle riproduzioni stilizzate di quelle principali espressioni facciali umane che si manifestano in presenza di una emozione (sorriso, broncio, ghigno).
Ai cittadini spetterà il compito di dare valutazioni in base al servizio ricevuto: il sorriso esprimerà un giudizio positivo, la smorfia negativo e, oltre che nelle apposite colonnine agli sportelli, potranno essere trasmessi anche via sms o tramite internet e sarà possibile anche motivare la scelta ad esempio, il tempo di attesa, il comportamento dell’impiegato, la necessità di tornare e gli eventuali esiti della sua richiesta.
Il nome “emoticon” nasce dall’accostamento delle parole ‘emotional’ e ‘icon’ e sta ad indicare proprio un’icona che esprime emozioni. Ad Ascoli sono nove gli ‘Emoticon’ installati e i primi servizi a essere sottoposti al «voto delle faccine» saranno l’Anagrafe, l’Ufficio Tributi (uffici Tarsu e Ici), l’Ufficio Tecnico (Edilizia Privata e Ufficio Traffico) e all’Ufficio Commercio .
L’iniziativa parte sempre dal Ministro Renato Brunetta, nella volontà di rendere la Pubblica Amministrazione più efficiente e avere un riscontro reale dai cittadini fruitori dei servizi.
«Il Comune di Ascoli – ha detto il sindaco Guido Castelli – ha deciso di dotarsi di questo servizio che è in realtà una piccola, grande rivoluzione necessari per creare una cultura del confronto, non tanto per verificare l’operato del singolo impiegato, quanto per valutare il servizio».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.223 volte, 1 oggi)