GROTTAMMARE – Una esposizione che cresce nel tempo e che ogni anno porta a Grottammare appassionati, professionisti e molti curiosi: sabato 26 giugno alle 18,30 al Kursaal si inaugura la dodicesima edizione della Mostra di modellismo navale, organizzata dal Circolo Velico Le Grotte, dal Gruppo Modellisti Piceni e dalla Confcommercio.

I pezzi che verranno presentati sono circa 250 per 40 espositori, divisi per quattro categorie: quella centrale del modellismo navale, l’artiglieria storica, una sezione che raccoglie tutte le altre tipologie di modellismo ed il plastico ferroviario, che occupa uno spazio di 12 metri di lunghezza, sette e mezzo di larghezza per quasi tre di altezza per un totale di circa 30 metri lineari, un’opera unica nel suo genere, perfettamente funzionante.

Una delle novità di quest’anno, raccontate dagli organizzatori fra cui Tullio Luciani, Gian Mario Pagani del gruppo Modellisti Piceni, Angelo Mattioli del Circolo velico Le Grotte, l’assessore Enrico Piergallini, oltre al plastico ferroviario sarà la presenza di accompagnatori, che spiegheranno ai visitatori le caratteristiche dei modellini, illustrandone le varie particolarità tecniche.

«È un momento importante per la nostra economia – ha dichiarato Tullio Luciani – ma l’amministrazione, e soprattutto il sindaco e l’assessore alla cultura, hanno sempre creduto in noi. Questa è la mostra più importante del settore nell’Italia centrale, ha una storia di 12 anni e vi partecipano molte medaglie mondiali di modellismo».

Una particolare collaborazione fra arti è quella che ha visto la pittrice Cecilia Dionisi ed i bambini delle scuole primarie che si sono cimentati in un laboratorio di arte e che esporranno i propri lavori proprio durante la manifestazione al Kursaal: «Quest’anno – spiega Dionisi – abbiamo affrontato il tema del mare ed i bambini lo hanno visto sotto tutti gli aspetti ed i modi possibili. Abbiamo affrontato argomenti ambientali, i bambini rispettano molto la natura, ed anche di storia dell’arte, andando a conoscere le marchigianità come Fazzini, Carrà o il contemporaneo Antonio Possenti».

Un’altra curiosità è la partecipazione della ricostruzione di un metro e mezzo di Ornella Fiore, di Ancona, che ha riprodotto due stanze, una del 900 e una dei giorni nostri. Inoltre saranno presenti anche 40 auto dei carabinieri di varie epoche.

Una nota triste, ma commemorativa sarà quella per il modellista Giuseppe Schino di Teramo, pioniere del settore, scomparso lo scorso Natale: su richiesta della famiglia verranno esposti ancora una volta i suoi modelli.

La mostra verrà inaugurata sabato 26 giugno alle 18,30 presso la sala del Kursaal e rimarrà aperta fino al 10 luglio. Orari: dalle 20,30 alle 23,30. L’ingresso, come sempre, è libero.

Per informazioni 0735.736263.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 580 volte, 1 oggi)