ASCOLI PICENO – Il tempestivo intervento di due equipaggi della Volante e di una pattuglia di Poliziotti di quartiere al Chiostro di San Francesco verso le 13 di giovedì è servito a scongiurare il peggio e soprattutto ad identificare l’autore dell’aggressione di poche ore prima, martedì sera, avvenuta nello stesso posto, lasciando inquietanti macchie di sangue sul terreno del bellissimo scorcio della città del travertino.
A.P., 47enne ascolano vittima dell’aggressione martedì sera, giovedì ha incontrato J.M.T. di origini polacche, ma da tempo ad Ascoli ma senza stabile dimora, 38enne, già noto alla Polizia, e dopo averlo riconosciuto come il suo aggressore avrebbe temuto un’altra aggressione e quindi lo ha colpito con violenza al volto.

Il polacco agli agenti intervenuti ha riferito invece di essere caduto accidentalmente. Ai fatti era presente un cittadino ucraino, amico del polacco, che ha confermato la verione di P.A..
Il tempestivo intervento del personale della Polizia di Stato ha evitato che la situazione degenerasse ulteriormente e che vi fossero congeguenze per i due contendenti.
Il polacco accompagnato in ospedale è stato medicato con cinque giorni di prognosi e successivamente denunciato a piede libero quale autore dei fatti accaduti l’altra sera al Chiostro di San Francesco.
Nei confronti di A.P. si procederà a querela di parte per i fatti di giovedì.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 748 volte, 1 oggi)