SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Parziale ripensamento del Comune sugli orari di chiusura estivi delle attività commerciali. Per le attività artigianali come gelaterie, kebab, pizzerie al taglio, si passa dalla “dead line” della mezzanotte alle due di notte. Per i concerti all’aperto, lo stop alla musica passa da mezzanotte all’una, previo rispetto delle ordinanze sull’inquinamento acustico.
«Abbiamo fatto un’indagine e abbiamo approfondito il dato che le attività artigianali, come appunto le gelaterie, non hanno mai creato problemi alla quiete pubblica», motiva la decisione il sindaco Gaspari, mercoledì mattina. «Non abbiamo riscontrato esposti dei cittadini o verbali delle forze dell’ordine, quindi abbiamo voluto concedere la possibilità di rimanere aperti fino alle due. Rimane in vigore il sistema di premialità, per cui gli esercenti che hanno a loro carico dei verbali negli ultimi dodici mesi non possono godere di nessuna deroga agli orari stabiliti».

Conciliante anche l’assessore al Commercio, Domenico Mozzoni, che spiega: «Abbiamo compreso che l’ordinanza per come era stata concepita all’inizio era troppo punitiva per gelaterie e pizzerie al taglio, in effetti d’estate può capitare che si decida di mangiare un gelato con gli amici all’una di notte. E francamente non si tratta di qualcosa che disturba la quiete pubblica».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 854 volte, 1 oggi)