ASCOLI PICENO – La ABM Holding Sas, finanziaria di diritto francese costituita da imprenditori di varia estrazione e nazionalità, ha attivato una società italiana che, a partire dalle competenze esistenti sul territorio Abruzzo – Marche , opererà nel settore dei materiali compositi avanzati, conosciuti comunemente come “ fibre di carbonio”. Lo comunica Assindustria di Ascoli in una nota.

La nuova società, denominata “HP Composites”, si occuperà di progettazione, prototipazione, sviluppo, industrializzazione e produzione di componenti in materiali compositi ad alte prestazione (HP è l’acronimo di High Performance) nei vari settori in cui tali materiali hanno sempre più crescenti applicazioni, con una particolare attenzione ai mercati automobilistico, motociclistico, aeronautico e racing in generale. Partnership a livello nazionale ed internazionale in termini di partecipazione al capitale e di sinergie industriali, dice Assindustria, sono in fase di definizione.

La HP Composites, avendo già cooptato un nucleo di tecnici chiave particolarmente esperti nelle varie tecnologie di trasformazione di tali materiali, nelle prossime settimane selezionerà il personale necessario allo sviluppo dell’iniziativa, cioè ingegneri, tecnici ed operai specializzati, complessivamente una forza lavoro che, a regime, supererà le 100 unità.

La nuova società sarà operativa a tutti gli effetti dal prossimo settembre: a tale scopo sarà scelta a giorni tra varie opzioni ai confini tra Marche ed Abruzzo la sede operativa centrale: una struttura industriale di 5-6 mila mq. con appropriati uffici tecnici.

Questa opportunità è stata al centro di una fitta rete di incontri e contatti avviati dal presidente di Confindustria Ascoli Piceno Bruno Bucciarelli, in stretta sintonia con il presidente della Provincia Piero Celani.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.573 volte, 1 oggi)