intervista a cura di Massimo Falcioni

riprese e montaggio Maria Josè Fernandez Moreno

per vedere il video clicca sull’icona rettangolare a destra
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si rinnova, per il ventunesimo anno, il gemellaggio tra San Benedetto e la cittadina francese di Alfortville, vicino Parigi. Venne sottoscritto nel 1989 con l’allora sindaco Piero Ripani, mentre il sindaco francese Rouquet è sempre stato rieletto dal 1988 e da anni è anche deputato al Parlamento francese e membro del Consiglio d’Europa. Nella mattinata di martedì il sindaco Gaspari ha infatti ricevuto nel suo ufficio il suo parigrado transalpino accompagnato da una delegazione composta anche dal vicesindaco e assessore a Sport e Cultura Roger Tisseyre, dalle colleghe Katie Kerkaert (Politiche sociali) e Marie Vingrief (“Vita associativa”) e Richard Ananian (Lavori pubblici e urbanistica). Per l’Amministrazione rivierasca erano presenti invece l’assessore Leo Sestri, la presidente del Consiglio Giulietta Capriotti ed il consigliere socialista Pino Laversa, che ha seguito gli scambi degli ultimi quattro anni.

«In questi venti anni di gemellaggio – ha affermato Rouquet – pensiamo di aver dimostrato ai giovani che i popoli europei possono lavorare insieme. Come amministratori abbiamo molto imparato reciprocamente. Speriamo che le nuove generazioni abbiano voglia di portare avanti sia la Comunità europea, che è la più grande idea del secolo scorso, sia l’indelebile esperienza di crescita personale rappresentata da questi scambi internazionali».

Il primo cittadino d’oltralpe ha poi ricordato come nacque l'”alleanza” fra le due cittadine: «Ero appena stato eletto ed ero intenzionato ad iniziare un gemellaggio. Mi proposero San Benedetto. Non la conoscevo, ma dopo poco me ne innamorai».

I due sindaci hanno individuato molti punti in comune nell’attualità della vita politica locale e nazionale, con le difficoltà dovute alla crisi e ai tagli dei trasferimenti dal governo centrale agli enti locali».

Il sindaco Gaspari ha ricordato i molti e importanti cambiamenti apprezzati anno dopo anno ad ogni visita ad Alfortville (prima in veste di consigliere comunale poi di sindaco), citando i più recenti scambi tra studenti, in particolare la visita al parlamento europeo di Strasburgo e alla sede del Consiglio d’Europa in occasione del “Giorno della memoria in ricordo della Shoah” lo scorso 27 gennaio. In quell’occasione, oltre a ricevere i ragazzi, Rouquet è anche intervenuto in aula. «Noi politici restammo commossi dalla qualità degli interventi dei ragazzi sia italiani che francesi», ha commentato Rouquet. Il politico francese ha anche ricordato varie cerimonie cui ha partecipato a San Benedetto in passato, come quelle per l’inaugurazione del Centro Primavera e del Cediser L’Arcobaleno.

In questi giorni la delegazione francese sarà ricevuta ad Ascoli dal prefetto Pasquale Minunni. Ma è prevista anche una visita a Montedinove, patria di Cino Del Duca, famoso anche in Francia per molte attività, principalmente quella di stampatore di importanti pubblicazioni come il quotidiano “France Soir” ed altre.

Al sambenedettese Franco Biondi e a sua moglie Lulu, che diedero impulso al gemellaggio, verrà consegnata una pergamena per il lavoro instancabile svolto nel corso dei vent’anni. Al pian terreno del Comune è invece in corso una mostra con lavori di pittori francesi, allestita in collaborazione con i colleghi locali Fabrizio Mariani e Silvano Pizza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 481 volte, 1 oggi)