Servizi plagiati. E’ in arrivo per chi copia i nostri video (facendoli credere propri) un richiamo ufficiale da chi di dovere. Seguirà la contestazione legale che sarà proporzionale al numero di nostri servizi video copiati a scopo economico da un giornale regolarmente registrato in tribunale. La quantità di copiature a questo punto è un problema più di altri che nostro, considerata la quotidianetà dei nostri servizi firmati Rivieraoggi WebTv.

Ascoli e Fermo, ex province. Ricordo la festa dei fermani quando la loro città diventò provincia. Come se la loro squadra di calcio avesse vinto qualcosa. Nel secondo caso sarebbe stata più giustificata. Se anche i fermani sono italiani, quella “conquista” doveva essere più un danno che un premio. Ma, tranquilli, tanto l’eliminazione delle province con meno di 230 mila abitanti non avverrà con la scusa tutta italiana che, altrimenti, bisognerebbe eliminarle tutte. Che sarebbe una decisione impossibile ma giusta. Alla quale probabilmente non si arriverà mai con le buone.

Lungomare. I nuovi parcheggi sono all’ordine del giorno. La prima cosa che mi viene in mente è che molti commenti non sono sgombri dalle proprie tendenze politiche. Oramai il concetto o meglio la paura di favorire politicamente una qualsiasi decisione fa parte dello sport nazionale addirittura più diffuso del calcio. Tanti pro e tanti contro sono frutto di una mentalità che fa diventare la propaganda politica più un affare che un bene comune e sociale. Entrando nel merito ritengo che sia fuori discussione l’aspetto estetico: così è meglio. Anche perché quando Perazzoli decise per quegli strani parcheggi in mezzo alla strada, le polemiche non furono inferiori alle attuali e la risposta fu che si sacrificava l’estetica alla sicurezza, anche se pericoli, non totalmente attribuibili alle persone, c’erano anche prima. Un ricordo che parla in favore di chi ritiene che ora la sicurezza è minore per cui l’attenzione di pedoni, motociclisti, ciclisti, automobilisti deve essere superiore. Specialmente per quel che riguarda i pulmann. E’ invece molto giusta la considerazione di Mariano Vesperini, il quale fa notare che per attraversare la strada (4-5 metri) in molti punti bisogna farne altri 100-200 in senso perpendicolare per arrivare al primo passaggio pedonale come da codice della strada. Ancora più grave (verificheremo) l’aver eliminato come sembra 12 parcheggi per disabili. La mia conclusione quindi è questa: gira e rigira, se la carreggiata est resta viabile, i problemi ci saranno sempre. Grandi e piccoli che siano.

Se fossi sindaco. Come non fui e non sono, per dirla alla Cecco Angiolieri, risolverei il problema senza bisogno nè di scienziati del traffico nè di improvvisati esperti del settore. Farei due o tre bei sottopassaggi in più da e verso Viale dello Sport e toglierei completamente la viabilità sulla corsia est che andrebbe riproposta con lo stesso stile della parte sud del lungomare recentemente ristrutturata. Anche perchè avere un lungomare a due colori è troppo brutto da vedere. Parcheggi a destra, a centro o a sinistra, la migliore estetica attuale è solo un tappabuchi. Tutti i parcheggi li dirotterei sulla parte ovest della ferrovia da dove con una bella camminata a piedi di 50-100 metri si arriverebbe sulla spiaggia. Troppa spesa? Se la proposta è condivisa dalla città i soldi si trovano sempre. Ma sarò mai sindaco?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.108 volte, 1 oggi)