SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Colpito da una forte scarica elettrica, muore a soli 21 anni. La tragedia in cui è rimasto vittima Andrea Kasem, si è consumata improvvisa ed inaspettata a Sant’Egidio alla Vibrata, nella contrada Faraone. Il giovane, di padre egiziano ma da anni residente in Italia e di madre italiana, nato a Teramo, lavorava come operaio agricolo ed era residente a Civitella del Tronto. Verso le 11 di giovedì 27 maggio stava aiutando un agricoltore 60enne del posto a montare un gazebo in ferro, che sarebbe dovuto servire per la vendita di una serie di ortaggi e prodotti agricoli. Mentre l’uomo era intendo ad effettuare un’operazione di saldatura sul gazebo, è partita una forte scarica dalla saldatrice che si è propagata lungo la struttura ed ha colpito il ragazzo, appoggiato ad essa.

Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi ed inizialmente, dato che il giovane ancora respirava, si era prospettato anche l’intervento di un’eliambulanza per trasportarlo il più velocemente possibile in un ospedale specializzato. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Sant’Egidio alla Vibrata e un’ambulanza del 118, ma a nulla sono serviti i tentativi dei medici di rianimare il giovane. Il suo cuore ha cessato di battere dopo pochi minuti.

Il corpo ora è stato trasportato nell’obitorio dell’ospedale di Sant’Omero.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.134 volte, 1 oggi)