SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Ho letto con grande interesse l’intervento del consigliere De Vecchis in ordine ai problemi che affliggono la sanità locale. Le questioni che lui solleva sono assolutamente prioritarie, tanto è vero che da tempo sono state tutte poste con grande forza all’attenzione del vertice della Zona territoriale 12 dalla conferenza dei Sindaci». Lo afferma l’assessore alle Politiche per la Città Solidale, Loredana Emili.
E aggiunge: «Proprio nell’ultima riunione abbiamo chiesto al Commissario straordinario dell’ospedale, dottor Massimo Esposito, di spiegarci come intende gestire le liste d’attesa per quelle prestazioni che superano i limiti previsti dalla legge, come si intende affrontare il problema di un adeguato organico di medici pediatri per assicurare un servizio di guardia attiva pediatrica, come vuole organizzare il rafforzamento della dotazione organica del Pronto soccorso in vista dell’arrivo dell’estate. Così come riteniamo necessario che le prestazioni del reparto di Cardiologia e dell’UTIC siano tutte pienamente operative perché indispensabili corollari di un’efficace servizio di emergenza. Esposito prese con i Sindaci l’impegno a fornire a breve una risposta: ritengo siano più che maturi i tempi per chiedere il rispetto di quell’impegno».

Intanto rimbalzano alle cronache regionali le dure proteste da parte di svariati sindaci, da Ascoli a Macerata passando per Fermo. Il problema, sostengono, è che la Regione ha chiesto ai sindaci capofila delle varie zone territoriali dell’azienda sanitaria di riunire i propri colleghi dei Comuni più piccoli, in modo da discutere sulle terne di nomi che la Regione propone per i direttori delle zone territoriali. Il problema è che i sindaci non hanno in mano alcuna terna di nomi. E ora temono decisioni piovute dall’alto, manager pubblici affidati ai territori senza una preventiva conoscenza delle problematiche, dirigenti di ospedali che cambiano dall’oggi al domani senza quella “continuità gestionale” che tutti i sindaci chiedono da sempre alla Regione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 577 volte, 1 oggi)