ASCOLI PICENO – «Dopo avere fatto tante tournée in Germania e in Francia, siamo proprio curiosi di vedere quale sarà la reazione del pubblico italiano». E’ così che l’insegnante di musica e direttore dell‘orchestra Andreas Wagnerdichiara il suo entusiasmo nell’esibirsi sabato prossimo, 29 maggio, alle ore 21 presso la Cattedrale di Ascoli.
L’Orchestra ha ormai più di un quarto di secolo di vita e ne fanno parte studenti di tutte le età, particolarmente apprezzati per la qualità dell’esecuzione musicale e per il repertorio. I componenti più giovani hanno 13 anni, i più “anziani” hanno da poco compiuto 19 anni. Eppure, nonostante la giovane età sono «una vera squadra, uniti davanti e dietro le quinte» come dice il trombettista Benedikt Nabben, uno dei 43 componenti dell’Orchestra.
Ogni nuovo concerto è organizzato attorno ad una parola d’ordine: “Humboldt goes Hollywood” con musiche tratte da diverse colonne sonore, un concerto danzante durante il quale il pubblico è invitato a partecipare.
Famoso soprattutto per i concerti natalizi con i pezzi canonici di fine anno, il gruppo sarà accompagnato anche dal coro e dall’orchestra jazz della scuola, in una simbiosi che permetterà di coprire un programma ancora più ampio.

«Anche il nostro repertorio attuale è abbastanza inconsueto – osserva il percussionista del gruppo Felicitas Biwer – che spazia infatti dalle opere classiche di Händel e Haydn fino alla musica d’intrattenimento degli anni ‘50 di Leroy Anderson».
Curiosa e sicuramente divertente da ascoltare sarà l’introduzione nelle esibizioni di “strumenti musicali” insoliti, come la carta smerigliata o una macchina da scrivere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 330 volte, 1 oggi)