SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nuova disposizione dei parcheggi sul lungomare, piovono critiche dai due consiglieri comunali dissidenti Nazzareno Menzietti e Libero Cipolloni: «Il vecchio sistema già utilizzato da diversi anni non era così malvagio. Il cambio della situazione attuale produce solo uno stravolgimento senza nessun miglioramento, anzi visto che i parcheggi non saranno disposti a spina di pesce avremo una riduzione di posti auto, cosa piuttosto dannosa soprattutto in estate, senza pensare poi alla sicurezza, infatti con l’attuale disposizione almeno parzialmente si riesce a schermare e proteggere la pista ciclabile».

Menzietti e Cipolloni chiedono poi se esista uno studio tecnico che dimostri la validità del nuovo sistema, e poi lanciano un siluro (il cambio dei parcheggi infatti era una delle proposte fatte a dicembre dal consigliere repubblicano Antonio Felicetti, poi approvato come emendamento al bilancio, presentate come condizioni per votare il bilancio stesso, ndr): «Si tratta solo di una cambiale da pagare a qualche membro della nuova snaturata maggioranza, ovviamente con l’ennesimo sperpero di risorse pubbliche? Un provvedimento del genere dovrebbe quanto meno transitare in consiglio, siamo convinti che molti colleghi consiglieri ci penserebbero bene».

Nei giorni scorsi il sindaco Gaspari ha difeso la bontà dell’operazione, dicendo che «si tratta di un’idea condivisibile. Il fatto che l’abbia chiesto Felicetti non è un mistero, e non c’è nulla di male. Ha fatto una proposta che può essere di utilità collettiva, mica ha chiesto favori personali, nel qual caso non avremmo di certo accolto la sua richiesta».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 917 volte, 1 oggi)