SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Un dipinto che va a colorare uno spazio urbano, un dipinto sociale già dedicato all’Irlanda e alla Norvegia e al loro  impegno per la battaglia mondiale contro le bombe a grappolo, “No cluster bombs” dell’artista grottammarese Carlo Gentili  è un’opera “aperta”: l’artista ha lasciato appositamente 100 spazi bianchi all’interno del dipinto che verranno riempiti ad ogni nuova adesione.

Così sabato 22 maggio Gentili istallerà oltre 40 specchietti catarifrangenti negli spazi bianchi del “No cluster bombs”, per saldare nella storia del dipinto sociale le recenti adesioni ufficiali di appoggio da parte dei Presidenti di Camera e Senato, Fini e Schifani, i quali hanno aderito all’iniziativa artistica sambenedettese affiancando gli Ambasciatori di Irlanda e Norvegia, già sostenitori dell’iniziativa. «Gli specchietti rifrangenti – spiega l’artista – brilleranno di notte al passaggio dei fari delle macchine e renderanno l’opera d’arte viva, come la speranza di quanti lottano per eliminare per sempre le bombe a grappolo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 465 volte, 1 oggi)