RIPATRANSONE – Approvato all’unanimità il bilancio 2009 della Banca di Credito Cooperativo Ripatransone durante l’Assemblea dei Soci che si è svolta domenica scorsa. «Oltre a evidenziare un buon risultato di gestione con un utile netto pari a circa 860mila euro perfettamente in linea con le strategie decise dal consiglio d’amministrazione», affermano dalla banca, «l’assemblea è stata l’occasione per l’elezione dei componenti del nuovo consiglio di amministrazione che ha riconfermato presidente Michelino Michetti e ha eletto i Consiglieri Franco Bruni, Gabriele Lucidi, Francesco Massi, Giovanni Capriotti, Marco Maroni, Cristiana Perazzoli. Sono stati quindi eletti due nuovi consiglieri rispetto al Cda uscente, ovvero Giovanni Capriotti e Cristiana Perazzoli in sostituzione dei consiglieri Nazario Pignotti e Giovanni Cherri. Per quanto riguarda l’elezione del Collegio sindacale, è stato confermato il collegio uscente con votazione palese dell’Assemblea che ha riconfermato il presidente Antonio Sergiacomi ed i sindaci effettivi Giuseppe Cannella e Pierluigi Carminucci».

L’attuale direttore generale Pietro Giuseppe Colonnella che, da circa un ventennio lavora nell’istituto di credito ripano, è stato premiato dal sindaco del Comune di Ripatransone Paolo d’Erasmo che ha dichiarato: «Il consiglio comunale, consapevole dei meriti acquisiti dalla banca di Ripatransone in vent’anni di direzione di Pietro Giuseppe Colonnella, artefice principale dell’espansione dell’istituto di credito ripano nel territorio quale punto di riferimento per l’economia locale, con gratitudine e stima gli conferisce il simbolo d’onore, onorificenza dello statuto della città».

Ulteriori onorificenze sono state inoltre consegnate anche ai due soci più anziani della BCC di Ripatransone, ovvero Saverio Veccia e Rito Nucci e, tra le varie iniziative che hanno caratterizzato l’assemblea, anche la consegna ufficiale al sindaco Paolo D’Erasmo di una copia anastatica del manoscritto di Luigi Mercantini “La Spigolatrice di Sapri” conservato dalla stessa Banca dopo l’acquisto avvenuto nel 2008 alla Bloomsbury Auctions a Roma, la casa d’aste londinese che ha anche una sede nella capitale.

Nel corso dell’assemblea è stato infine presentato il Bilancio Sociale predisposto dal consigliere dell’istituto di credito Francesco Massi nel quale sono contenuti i progetti realizzati nell’ultimo triennio dalla Banca di Ripatransone.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 798 volte, 1 oggi)