ASCOLI PICENO –  Sabato 15 maggio alle 14.30 si è tenuta, presso la Casa di Cura San Giuseppe di Ascoli una simulazione di evacuazione in caso di “incendio di interfaccia”, ossia nell’eventualità di un incendio che interessi la parte strutturale degli edifici, che ospitano degenti con problemi di disordine mentale.
L’evento è stato voluto dal Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile, per festeggiare “operativamente” il decennale della costituzione, e dai direttori sanitario e generale della struttura, il dottor Solito e il dottor Badolato, a seguito di uno studio condotto sulla differenziazione diagnostica delle degenze, e la possibilità di sistemarle, in caso di immediata necessità, in strutture adeguate ad personam.
La manifestazione ha coinvolto attivamente alcuni dei pazienti, che sono stati trasportati, con i mezzi e il personale volontario messi a disposizione dalla Centrale Operativa 118, dalla Croce Rossa Italiana, dalla Croce Verde di Ascoli Piceno, e dai volontari della Misericordia, presso le strutture del Villaggio del fanciullo per il cosiddetto “debriefing”.
Divertiti e stupiti dinanzi alle performance del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e del Comando provinciale del Corpo Forestale dello Stato, con le loro prove di evacuazione dell’alto tramite autogru, gli utenti sono stati guidati e coordinati con ordine e rigore dai volontari del Servizio Civile, che li hanno resi protagonisti per un giorno, di questo simpatico intervento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 349 volte, 1 oggi)