SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Conti sani oggi e gestione privata domani. Questo il presente e il futuro del Centro Agroalimentare al confine tra San Benedetto e Monteprandone che, nella serata di venerdì, ha approvato il Bilancio 2010 e sempre più prossimo alla privatizzazione.

«C’è l’unanime volontà di uscire da tale situazione», ha ribadito il sindaco Giovanni Gaspari. «Attualmente la presenza del pubblico, che deve avere solo funzione di controllo, rappresenta per la struttura solo un tappo alla sua crescita».

Come già scritto nei mesi scorsi, il piano dell’amministrazione comunale non prevede una semplice cessione di quote, bensì la vendita dell’intero immobile. Una valutazione complessiva minima di almeno 15 milioni di euro, con il 40% di questi che spetterebbero proprio a San Benedetto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 805 volte, 1 oggi)