MARTINSICURO – «Da quando il sindaco Di Salvatore ha annunciato che non si ricandiderà alle prossime elezioni, notiamo che c’è un consigliere di maggioranza, probabilmente prossimo candidato sindaco, sempre in primo piano sulla stampa a mostrarsi interessato anche di settori che non gli competono, come la manutenzione del territorio». Comincia con una frecciata indirizzata al consigliere delegato all’ambiente Massimo Vagnoni la conferenza stampa del Pd, con cui i consiglieri di opposizione criticano gli interventi dell’amministrazione sulla pulizia del lungomare e sulla manutenzione delle aree verdi di Martinsicuro.

A tal proposito Vagnoni aveva annunciato alcun giorni fa l’istituzione di una “squadra del verde” composta da tre dipendenti comunali e sei Lsu, con il compito di effettuare i lavori di manutenzione e pulizia sulle circa 70 aree verdi cittadine. Per la sistemazione del lungomare e delle zone 167 di Martinsicuro e Villa Rosa invece, si è provveduto ad affidare l’incarico ad una ditta esterna, per un costo di 20mila euro.

«Piuttosto che pagare un privato – afferma Romano Antonini – si poteva costituire una squadra interna al Comune composta da 6 o sette dipendenti in organico e una decina di Lsu. Si sarebbe data così la possibilità ai cassintegrati di aumentare le ore giornaliere di lavoro, incrementando anche la mensilità, che in questi periodi di crisi non è poca cosa. Su questa proposta, più volte suggerita all’amministrazione, non siamo mai stati ascoltati».

«E’ come se per effettuare i lavori nel proprio giardino – aggiunge Mauro Paci – il padrone di casa preferisca pagare un esterno piuttosto che rimboccarsi le maniche e impegnarsi in prima persona utilizzando le risorse che ha a disposizione».

«A Vagnoni vogliamo ricordare – prosegue Antonini – che non è assessore alla Manutenzione del Territorio, e quindi non ha competenza a parlare in materia. C’è bisogno di esperienza per gestire il personale del Comune, e bisogna conoscere le esigenze, le capacità e le aspettative dei dipendenti, per valorizzare ed ottimizzare il lavoro che svolgono. Oltre il 30% del Bilancio è costituito dai costi per il personale, sarebbe opportuno che il settore fosse seguito con attenzione attraverso un apposito assessorato».

Ma il Pd puntualizza anche sui fondi regionali per il ripascimento: «Vogliamo ricordare – incalza Paci – che in passato ogni anno a Martinsicuro venivano dati regolarmente almeno 100mila euro per i lavori sulle spiagge. I finanziamenti si erano interrotti solo da tre anni a questa parte, pertanto i 200mila euro arrivati quest’anno non dovrebbero essere sventolati come chissà quale conquista».

Sull’aumento della Tarsu del 15% i consiglieri sostengono che l’amministrazione prima di girare l’aumento deciso dalla Poliservice direttamente ai cittadini, avrebbe dovuto effettuare delle analisi e trovare delle soluzioni condivise con la ditta per impedire o quantomeno contenere l’aumento: «Se ad esempio c’è un risparmio nell’effettuare un unico passaggio per il ritiro di carta e plastica, non vediamo per quale motivo i benefici debbano andare solo al privato. Inoltre spendiamo 300mila euro per il conferimento in discarica dell’umido, oltre ai costi per il trasporto. Tali somme si potrebbero risparmiare dando la possibilità ai cittadini di effettuare il compostaggio domestico, con una riduzione del costo del servizio».

E in vista della stagione estiva e l’aumento della popolazione, si ripropone l’annoso problema della corretta esecuzione della raccolta differenziata, che negli scorsi anni, tra un ritiro e l’altro, produceva lungo le strade cumuli indecorosi di sacchi di spazzatura. A tal proposito il Pd invita l’amministrazione a far rispettare sia il regolamento sulla differenziata che l’ordinanza per il ritiro dei cassonetti condominiali all’interno delle aree private, provvedendo attraverso i Vigili Urbani ad effettuare le dovute sanzioni ai trasgressori.

«Anche noi come Vagnoni – concludono i consiglieri – vogliamo che Martinsicuro sia come una bella cartolina, ma non la vogliamo in bianco e nero, bensì a colori».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.586 volte, 1 oggi)