SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Chi perde l’acqua, perde un tesoro»: con questo titolo la classe 1 E dell’Istituto Alberghiero di San Benedetto si è aggiudicata il premio della seconda sezione di “Sos Acqua”, iniziativa a carattere provinciale organizzata dal Sos Missionario di San Benedetto per stimolare gli studenti alla creazione di una “pubblicità sociale” a favore di un uso corretto della risorsa idrica (dal tema dell’acqua nel terzo mondo a quello delle bottiglie di plastica che generano alti costi ambientali). Nella prima sezione invece i vincitori sono stati suddivisi in tre categorie: scuole secondarie di primo grado, classe quarte e quinte elementari e classi seconde e terze elementari. Tutti saranno premiati nel corso di un incontro che si svolgerà venerdì 14 maggio all’auditorium comunale di San Benedetto.
Riguardo i ragazzi del 1 E Alberghiero, in questi giorni stanno realizzaando un proprio video durante un laboratorio cinematografico nella loro scuola curato dall’associazione Blow Up, che sarà presentato il prossimo 30 maggio in occasione del Festival della Pace a San Benedetto. Sono state oltre 40 le classi partecipanti e ben 196 gli elaborati pervenuti, sia di gruppo che singoli.
La commissione giudicatrice è composta da una pittrice, da un grafico pubblicitario e da cinque rappresentanti delle associazioni partner, e ha evidenziato come i lavori pervenuti siano di grande qualità sia grafica sia di contenuto e designare il vincitore sia stato compito non facile ed è per questo che oltre ai tre premi principali saranno assegnati anche tre secondi premi e 14 sono saranno gli elaborati segnalati.
Il percorso educativo realizzato nelle scuole si inserisce all’interno di un ampio progetto promosso da Sos Missionario, iniziato nel 2009, che prevede numerose iniziative realizzate insieme alle associazioni partner, con il cofinanziamento del Centro Servizi per il Volontariato. Tra le iniziative: la campagna Imbrocchiamola, in collaborazione con Confesercenti e Assoalbergatori, affinché l’acqua in brocca  ritrovi uno spazio nelle carte dei nostri  alberghi, ristoranti, pizzerie e bar; analisi dell’acqua in alcuni condomini, in collaborazione con l’Arpam, per  riconquistare la fiducia dei cittadini nell’acqua di rubinetto; formazione specifica sull’acqua bene comune, degli animatori dei centri estivi per ragazzi, in collaborazione con il Csi e l’associazione sportiva Sport è Festa; organizzazione della “giornata del Creato” in collaborazione con la Caritas diocesana; inserimento del tema acqua all’Helios Festival organizzato dall’associazione culturale Helios.
Tra gli altri partner molto preziosa la collaborazione con Legambiente e l’Assoc. di cultura cinematografica Blow Up.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 386 volte, 1 oggi)