SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è riunito martedì scorso, presso la sede di via Balilla, il direttivo del circolo centro del Partito Democratico, chiudendo così il giro di consultazioni avviato precedentemente nello schieramento.L’introduzione è spettata a Emanuela Mazzocchi, che ha ricordato, tra le altre cose, «i problemi che attraversano le destre, con una grande confusione sulle riforme, sempre annunciate, mai portate in cantiere. Berlusconi tre giorni prima parla di riforma della costituzione, tre giorni dopo in Confindustria annuncia che la priorità è la riforma fiscale, così come la nuova legge elettorale».

Altre preoccupazioni, sempre secondo la Mazzocchi, riguardano anche la scuola: «I tagli del Ministro Gelmini di 8 miliardi di euro, di 87.431 docenti e 44.500 Ata in tre anni sono insostenibili per il nostro sistema scolastico, si rifletteranno negativamente anche all’interno della nostra città, molto probabilmente porteranno alla paralisi le scuole periferiche se non alla loro chiusura. Il Pd si faccia dunque promotore di incontri pubblici su temi specifici».

L’occhio si è poi spostato sulle vicende cittadine ed in particolar modo sul progetto riguardante la foce dell’Albula: «L’amministrazione porta a conclusione un piano già finanziato, attraverso la messa in sicurezza dello stesso e che servirà, tramite la realizzazione del nastro pedonabile verso il mare e la ristrutturazione delle scogliere. Chiederemo al più presto un’assemblea pubblica in merito».

La riunione si è conclusa con la richiesta da parte di tutti di una maggiore presenza territoriale del partito e di un affiancamento sempre maggiore all’amministrazione comunale. Infine, la scelta unanime di avviare le consultazioni in vista delle prossime elezioni comunali, con la proposizione, o meglio riproposizione, a candidato sindaco dell’uscente Giovanni Gaspari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 413 volte, 1 oggi)