SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Con il presidente della Provincia Celani e il nuovo dirigente Vagnoni si lavora bene e c’è lealtà, dopo la loro ratifica sarà possibile procedere all’alienazione di due immobili comunali nella zona Ponterotto, avere un milione e mezzo di fondi freschi per le opere pubbliche e procedere nel piano dell’edilizia popolare».
Giovanni Gaspari commenta così la ratifica avuta dalla Provincia di Ascoli, settore urbanistica, sull’iter del piano di recupero urbano pubblico-privato delle zone Paese Alto e Ponterotto.
I due immobili di proprietà comunale (l’ex mattatoio e l’ex magazzino della nettezza urbana) prima di esser messi all’asta diventeranno a destinazione residenziale.
Il piano del Comune prevede anche un milione di euro di finanziamento Erap che servirà a demolire e ricostruire la “casa parcheggio” di via Mameli, l’immobile usato per ospitare temporaneamente famiglie in difficoltà.
«Passerà da otto a dodici appartamenti – dice Gaspari – e forse anche 14 se viene sbloccato il fondo Erap di 340mila euro destinato all’Agraria».
Secondo il progetto, inoltre, alcuni appartamenti per l’edilizia convenzionata verrebbero ricavati in via Carnia, previa riqualificazione di alcuni capannoni artigianali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 411 volte, 1 oggi)