MONTEPRANDONE- Un’altra squadra teatina sulla strada dei monteprandonesi. A due giornate dal termine del campionato di Serie D, nel Girone F il Centobuchi si giocherà gran parte delle sue chance salvezza nello scontro diretto di Miglianico. Infatti la squadra di Scarafoni reduce da due sconfitte consecutive ultima delle quali quella interna col Chieti capolista è attualmente tredicesima in piena zona play out a pari punti con Luco Canistro e Morro d’Oro e a meno uno dalla salvezza diretta ossia proprio dal Miglianico reduce dalla vittoria di Campobasso con la quale è uscita dalla zona play out scavalcando Centobuchi e company.

Solo con una vittoria in terra teatina i biancocelesti si riporterebbero fuori dalla zona play out, magari approfittando anche degli eventuali e tutt’altro che impossibili passi falsi di Morro d’Oro (che ospiterà la Santegidiese) e del Luco Canistro (a Chieti). Altrimenti la speranza di evitare gli spareggi sarebbe nulla in caso di sconfitta e residua in caso di pareggio.

La missione però rimane tutt’altro che facile e non solo perchè i monteprandonesi non vincono da ben 4 turni (ultimo successo il 2-0 casalingo col Bojano) ma anche perchè nella trasferta abruzzese mancheranno gli squalificati Di Venanzio e Frinconi. Oltre a loro è stato squalificato anche il vice allenatore nonchè preparatore dei portieri Terrani (per lui due turni di stop per presunte offese rivolte al capitano del Chieti al momento del gol partita dei neroverdi che sembrava dubbio). Tuttavia rientreranno dalle rispettive squalifiche Mozzoni e Valente. Resterà ancora fuori invece l’infortunato D’Addazio. Ci saranno invece il diffidato Stangoni in difesa e l’attaccante Filiaggi (7 reti all’attivo) anche se quest’ultimo non si sa se giocherà dall’inizio in quanto reduce da un’ altra convocazione con la nazionale under 18 di Serie D.

La giovane punta è seguita con occhio vigile da molte squadre di categoria superiore. Il Miglianico realtà neopromossa (che lo scorso anno vinse il campionato d’Eccellenza abruzzo arrivando davanti a L’Aquila poi promossa d’ufficio dopo i fatti legati al terremoto del 6 aprile 2009, senza quindi la disputa dei play off) la cui salvezza diretta sarebbe una vera e propria impresa (visto che è al suo primo storico campionato di serie D), invece si dovrebbe presentare al completo, compreso il recuperato capitan Ciarrocca, il suo attuale capocannoniere Ciampoli (8 reti all’attivo così come Pirelli del Centobuchi) ed il suo giocatore di maggior esperienza ossia il centrocampista ex Chieti, Pescara e Giulianova Massimo Epifani. La squadra di Donatelli (a Miglianico da 4 stagioni, ex Samb dove ha allenato nell’era Gaucci, nella stagione 2000/01 in Serie D venendo poi a metà stagione esonerato e sostituito da Mei, il quale vinse poi quel campionato) è reduce in casa da cinque risultati utili consecutivi di cui 4 successi. Complessivamente la compagine gialloblu ha totalizzato tra le mura amiche 21 punti in 16 gare interne frutto di 6 successi, 3 pareggi e 7 ko. Di contro la squadra biancoceleste ha invece raccolto in trasferta 16 punti in altrettante gare esterne disputate, frutto di 4 vittorie, altrettanti pareggi e 8 sconfitte.

Centobuchi e Miglianico hanno lo stesso numero di vittorie (10 di cui 6 in casa) e di gol complessivi realizzati ossia 31 (cifra con la quale sono il quarto peggior attacco del torneo) mentre per quanto concerne quelli subiti, ne ha presi di meno la squadra monteprandonese, 45, contro i 49 incassati dagli abruzzesi, cifre con le quali le due squadre hanno rispettivamente la quinta e la quarta peggior difesa del torneo. La sfida dell’andata giocata al Nicolai di Centobuchi si concluse sul 2-0 in favore dei padroni di casa allora ancora guidati da Piccioni. Dirigerà l’incontro il signor Marco Zappatore di Taranto coadiuvato dagli assistenti Stefano Cordeschi di Isernia e Domenico Campitelli di Termoli .
Queste le parole di Scarafoni: «Mi auguro che nelle prossime gare la dea bendata ci dia una mano a partire da Miglianico. Se giochiamo come abbiamo fatto contro il Chieti – prosegue il tecnico ascolano – possiamo ottenere ancora tutto ciò che vogliamo. Bisogna essere forti in questi momenti di difficoltà, unirci e non abbatterci. Spero di trovare un ottimo arbitraggio come quello di domenica scorsa nella gara col Chieti».
Ci auguriamo che il Centobuchi riesca nella sfida di Miglianico ad ipotecare la salvezza (sarebbe la quarta consecutiva in Serie D) diretta, così da giocare l’anno prossimo per la prima volta un derby ufficiale con la Samb.
Questa la possibile formazione del Centobuchi da opporre al Miglianico: Franchi, Stangoni (91), Mozzoni (89), Ianni, Pesce (91), Adorante, Cesani (88), Polenta (88) o (Valente 90), Pirelli (90), Bifini o (Filiaggi 91), Calvaresi (89) . Allenatore: Lorenzo Scarafoni.

SITUAZIONE COMPLESSIVA DEL GIRONE F: In coda, già detto del Miglianico chè è per ora fuori dalla zona play out con un punto di vantaggio sul trio appaiato al tredicesimo posto: Centobuchi, Luco Canistro e Morro d’Oro. Dietro al trio che comanda la zona play out c’è invece a -1 l’Angolana di Amaolo. Non è ancora salvo nemmeno il Bojano che ospiterà L’Aquila. I molisani infatti conservano un +4 (che sarebbe + 6 senza i due punti di penalizzazione) sulla zona play out.

In zona play off dietro a L’Aquila, Atessa e Santegidiese e precisamente al quinto posto c’è stato domenica scorsa un cambiamento con l’Atletico Trivento (in grande spolvero che aveva già battuto mercoledì nel recupero il Chieti) che ha battuto e scavalcato la Civitanovese che a fine gara ha esonerato il tecnico Osvaldo Jaconi sostituendolo poi in seguito con Giorgio Carrer.
In testa invece il Chieti dopo aver espugnato Centobuchi e aver ottenuto per la prima volta in questo torneo la vetta solitaria (grazie alla concomitante ed inattesa sconfitta interna de L’Aquila con l’Agnonese) ha la grande occasione di chiudere i giochi ottenendo già da questa domenica l’aritmetica promozione in Seconda divisione (ex C2) lega Pro. Tutto ciò a patto che batta all’Angelini il Luco Canistro e che l’Aquila non vinca a Bojano. Sennò dovrà rimandare il discorso nell’ultima giornata a Montecchio.
I neroverdi hanno un + 3 sugli aquilani e un +4 sull’Atessa. Remote le  possibilità dei sangrini attualmente terzi di vincere il campionato in quanto oltre a fare bottino pieno nelle due restanti partite con Recanatese (miglior difesa del torneo e d’Italia con sole 17 reti incassate) e nello scontro diretto di L’Aquila dovrebbero sperare in un doppio suicidio del Chieti. Promozione dunque ad un passo per la squadra di Vivarini, salvo clamorosi imprevisti.

Programma della 33° Giornata (16° di ritorno) domenica 9 maggio ore 15: Atessa Val di Sangro-Recanatese; Bojano-L’Aquila; Chieti-Luco Canistro; Civitanovese-Real Montecchio; Elpidiense Cascinare- Casoli; Miglianico-Centobuchi; Morro d’Oro-Santegidiese; Nuovo Campobasso-Atletico Trivento; Olympia Agnonese-Reanato Curi Angolana.
LA CLASSIFICA ATTUALE: Chieti 63, L’Aquila 60, Atessa Val di Sangro 59, Santegidiese 57, Atletico Trivento * 55, Civitanovese 54, Olympia Agnonese 50 , Recanatese * 47, Casoli 43, Nuovo Campobasso 42 , Bojano ** 40 , Miglianico 37, Centobuchi , Luco Canistro e Morro d’Oro 36, Renato Curi Angolana 35, Elpidiense Cascinare ! e Real Montecchio ! 14.

**= 2 punti di penalizzazione

*= 1 punto di penalizzazione.

!= Matematicamente retrocessa

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 513 volte, 1 oggi)