NERETO – Mezzo milione di euro per la ristrutturazione dell’asilo nido di Nereto. A tanto ammontano i fondi destinati al Comune per la sistemazione dell’edificio chiuso a settembre 2009 per problemi di stabilità a seguito del terremoto che ha distrutto l’Aquila.

Il primo finanziamento di 300mila euro arriva dalla Regione Abruzzo, e sarà destinato all’ampliamento della struttura, mentre il secondo di 250mila euro, stanziato dal Senato della Repubblica Italiana verrà utilizzato per l’adeguamento alle normative antisismiche. La scuola sarà quindi ristrutturata senza intaccare il bilancio comunale.

Il risultato è stato possibile grazie all’interessamento del consigliere regionale Emiliano Di Matteo (Pdl), che ha voluto citare, come coautori dell’operazione, anche l’assessore regionale Paolo Gatti e il senatore Paolo Tancredi, ringraziandoli pubblicamente. «Hanno dimostrato sensibilità sulla questione, a riprova che quando una squadra lavora in sinergia i risultati si possono vedere concretamente e subito».

Di Matteo ha inoltre ringraziato l’amministrazione comunale di Nereto e il sindaco Minora «per la continua e fattiva collaborazione», e h sottolineato come lo stanziamento dell’importante finanziamento «è una risposta a chi ha sostenuto e che continua a ribadire che in Val Vibrata non arrivano risorse. Ma non sarà – ha concluso – l’unico risultato che porteremo a casa».

Sarebbero infatti in via di stanziamento da parte della Regione Abruzzo 400mila euro della Protezione Civile per la realizzazione di una nuova scuola a Favale di Civitella del Tronto.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 303 volte, 1 oggi)