ASCOLI PICENO – Ha preso il via martedì mattina, con l’udienza preliminare, il procedimento giudiziario a carico di Carlo Maria Santini ed Enrico Maria Mazzocchi, i due diciannovenni ascolani arrestati lo scorso settembre nell’ambito dell’operazione Facebook con l’accusa di stupro di gruppo nei confronti di una ragazza di sedici anni. Santini e Mazzocchi, il giorno 6 settembre 2009, avrebbero cercato di abusare di una giovane con la quale si erano intrattenuti durante il pomeriggio presso l’abitazione dello stesso Santini. Dopo aver fatto bere la ragazza e giocato con lei a carte, i due avrebbero tentato di passare a ben altri giochi, senza il suo assenso. Gli avvocati difensori, Grilli per Santini, Angellozzi per Mazzocchi, vogliono intanto cercare di scagionare i propri assistiti dall’accusa di stupro di gruppo, dimostrando come i due ragazzi abbiano agito con la giovane in due momenti distinti, separatamente.

E nel corso dell’udienza di oggi, durante la quale si sarebbe dovuta conoscere la strada che i due avvocati difensori avrebbero scelto di percorrere, e cioè se affrontare il dibattimento o ricorrere al rito abbreviato, è stata però disposta dal Gup Alessandra Panichi la trascrizione di alcune conversazioni telefoniche tra i due giovani. La speranza, per la difesa, è che vengano fuori nuovi scenari, o quantomeno di minore gravità, rispetto a quelli emersi nel corso delle intercettazioni ambientali rilevate dalla cimice posta nell’auto dei due ragazzi pochi giorni dopo l’avvenimento nel fatto. Durante alcuni discorsi, i due avrebbero ricostruito la vicenda e quindi di fatto confessato quanto era avvenuto nell’appartamento, anche se per la difesa si è trattato solo di “spacconate”. La seduta di oggi è stata così differita al giorno 13 luglio.

Durante il processo si costituiranno parte civile, oltre alla ragazza di sedici anni, anche due giovani di quattordici anni, assistite dall’avvocato Nazario Agostini, in questo caso nei confronti del solo Santini, dal quale hanno dichiarato di aver subito abusi in circostanze risalenti al 2008.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 635 volte, 1 oggi)