NERETO – L’Unione dei Comuni della Val Vibrata chiede un incontro con il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi per discutere del progetto inerente il percorso turistico lungo il torrente Vibrata.

Un intervento di dodici milioni di euro (finanziati con fondi Fas) per una rete ciclabile che, risalendo attraverso il torrente, attraverserebbe diversi Comuni vibratiani.

“Percorso turistico, culturale, naturalistico lungo il torrente Vibrata: realizzazione di una rete ciclabile intercomunale e valorizzazione delle risorse naturalistiche e storico-architettoniche”: è questo il titolo della scheda Fas redatta dalla Città Territorio e che sarà presentata dai sindaci vibratiani nell’incontro con Chiodi.

«La scheda in questione – si legge in una nota – suggerisce un intervento stimato in 12milioni di euro, ed è anche l’unica, di quelle poste all’attenzione dalla Regione Abruzzo, che abbraccia un vasto territorio dove sono rappresentati 12 Comuni della Val Vibrata e una popolazione di 80mila abitanti.

Nel riproporre all’interesse del Presidente della Regione Abruzzo tale intervento, l’Unione di Comuni Val Vibrata vuole sottolineare l’importanza della sua attuazione in un momento in cui, questo particolare territorio si trova a gestire una grave crisi occupazionale e dove il torrente che l’attraversa, il Vibrata, negli ultimi cinque anni è stato indicato dalla “Goletta Verde” come il più inquinato della fascia adriatica teramana».

In Val Vibrata sono già esistenti alcuni percorsi ciclopedonali che però «avrebbero la necessità di essere collegati fra di loro», per permetter una più facile congiunzione tra costa ed entroterra, con evidenti benefici sotto il profilo turistico ed economico.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 359 volte, 1 oggi)