ASCOLI – Lite familiare ad Ascoli Piceno. Nella notte di martedì la Questura e il personale del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri sono intervenuti nel quartiere Borgo Chiaro per sedare una lite familiare.

Nell’abitazione era scoppiata un’accesa discussione tra il figlio ventitreenne ed i genitori, i quali spaventati dal raptus improvviso del ragazzo si erano chiusi in camera. Nonostante ciò il giovane era riuscito a raggiungerli e a colpire entrambi con più coltelli reperiti in casa.

La madre ha riportato lesioni lievi alle mani, mentre il padre è stato colpito in modo grave all’addome. Trasportato immediatamente in Ospedale, è sottoposto ad un urgente e delicato intervento chirurgico. Al momento la prognosi resta riservata, ma non pare in pericolo di vita.

Il ragazzo dopo le formalità di rito è stato arrestato e condotto nel carcere di Ascoli a disposizione del sostituto procuratore di turno Umberto Monti per i reati di tentato omicidio e lesioni volontarie.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 985 volte, 1 oggi)