SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si chiama “Riciclandia” ed è la nuova iniziativa creata per insegnare il rispetto dell’ambiente e la corretta gestione dei rifiuti urbani ai ragazzi delle scuole elementari.

Ad ogni scuola verrà distribuito il materiale necessario per diventare un’isola del riciclo. Tutta la campagna della Picenambiente (azienda che gestisce il ciclo dei rifiuti in tutto il Piceno eccetto Ascoli) basa le sue radici sui teoremi della lungimirante missione lanciata dall’Unesco nel 2005, il “Decennio dell’educazione allo sviluppo sostenibile”.

L’obiettivo ultimo prefissato è quello di far maturare i bambini seguendo un percorso di educazione ambientale così da avere, nel futuro, un adulto sensibile alle problematiche del proprio territorio e dell’ambiente circostante. Avere, insomma, una consapevolezza dell’obiettivo da raggiungere, cioè come rispettare l’ambiente.

Il metodo utilizzato è quello dell’imparare giocando. Ad ogni scuola che ne farà richiesta, nella provincia, saranno inviati i sacchetti e gli scatoloni per la raccolta differenziata dei diversi materiali.

I bambini saranno indirizzati verso una presa di coscienza responsabile grazie ad un piccolo manuale, anch’esso distribuito gratuitamente ed appositamente creato per tale scopo, che contiene importanti nozioni sul riciclo e giochi istruttivi con le istruzioni per effettuare la raccolta differenziata a scuola come nell’ambiente familiare.

Il piccolo libro di testo si chiama “Riciclandia, la terra del riuso” ed accompagnerà gli alunni in alcune lezioni che i propri insegnanti decideranno di fare nel corso dell’anno.

La Picenambiente si è detta soddisfatta dell’iniziativa e che questa non è una modalità di effettuare la raccolta sostitutiva per le altre, bensì integrativa e che andrà quindi di comune accordo con quelle già esistenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 611 volte, 1 oggi)