SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I Dealma vincono la 18/a edizione del Sotterranea Rock Festival. Il quartetto di Olbia, composto da Giuseppe Mura (voce), Claudio Pinna (batteria), Manuel Paolo Dettori (basso) e Andrea Pica (chitarra) ha trionfato alla finalissima del festival sugli altri sei gruppi in gara.

Grande assenza per gli Charme di Ragusa impossibilitati, a causa dei recenti eventi atmosferici legati al vulcano islandese, a prendere l’aereo per raggiungere la manifestazione.
Difficile il lavoro per la giuria composta da Franco Cameli, creatore della manifestazione, Giacomo Antonini, tecnico del suono, Gavriel Pardi, produttore, Alex Cantatore, musicista, Alex Licciardello, giornalista, Domenico Caselli, musicista ed Emanuele Verdecchia, tecnico del suono. Le sette band in gara, infatti, si sono esibite come meglio potevano attenendo ottimo gradimento dal folto pubblico presente al Florentia World.

Ma alla fine l’ha spuntata l’adrenalinico gruppo sardo grazie alla presenza scenica, la tecnica e la grinta che li hanno caratterizzati sin dalle semifinali e che gli hanno permesso di vincere anche il premio per l’Abilità tecnica.

La band dei Dealma si è aggiudicata il premio di 500 euro, offerti dalla Full Mobili di Martinsicuro, e le due ambite pergamene dalle mani del direttore artistico Cameli.

Ma anche per gli altri gruppi ci sono stati premi e riconoscimenti. Le due presentatrici Francesca Poli e Ilenia Alessandrini hanno assegnato uno alla volta i tanti riconoscimenti.

l “Premio originalità”, del valore complessivo di 300 euro, è stato vinto dalla band di Pescara dei WolfgangShock che si è aggiudicata anche il riconoscimento come band “Avant-garde”.

Il premio per il “Miglior testo”, del valore di 200 euro, e il “Premio innovazione” sono stati vinti dagli Aedi di Macerata.

Il “Premio della giuria”, consistente in un buono di 250 euro da spendere presso il negozio di strumenti musicali Giocondi, è stato assegnato alla band sambenedettese dei Deleeria.

Apriranno il Maremoto Festival di San Benedetto, in scena dal 6 al 10 aprile, il terzetto romano degli Indie Boys Are For Hot Girls che si è aggiudicato anche il “Premio per il miglior arrangiamento”.

Un altro terzetto, quello dei SoundSick di Fabriano, è tornato a casa con due riconoscimenti: “Band Alternative” ed “Espressività”.

A La Via d’Uscita di Campobasso è andato il “Premio della critica” e della “Creatività”.

Un’edizione, la 18°, che secondo gli organizzatori entrerà negli annali delle migliori del festival: ben riuscita, di successo e gradita al pubblico e alle band, che non hanno lesinato ringraziamenti all’organizzazione e a tutto lo staff di Sotterranea.

Si chiude dunque l’annata 2010 del festival e già si pensa al nuovo cd, prodotto dall’AssoArtisti dell’Adriatico, che vede i gruppi della finale racchiusi in un’unica compilation.

L’appuntamento per tutto è con la nuova edizione 2011.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 725 volte, 1 oggi)