SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si chiama “Volontariato e le Politiche Regionali sulle Devianze Alimentari“: è il convegno che si svolgerà a San Benedetto sabato 17 aprile alle ore 9 presso l’aula magna del Polo Unicam, promosso dalla Sezione Regionale Marche dell’Associazione Lavoratori per il Volontariato in collaborazione con l’Università di Camerino. Fra i relatori Teresa Spampanato, Presidente Lav Marche, il professore Alberto Cresci, Direttore del Centro di Ricerca Unicram di San Benedetto del Tronto, il dottor Luca Belli, docente Unicam e biologo nutrizionista, la dottoressa Raffaella Tosi, laureata magistrale Unicam ed ora biologa nutrizionista, Martina Crescenzi, laureanda Unicam di primo livello in Biologia della Nutrizione, il dottor Vincenzo Luciani, responsabile del Consultorio Familiare di San Benedetto del Tronto, la dottoressa Sabrina Vici, responsabile del Servizio risposte alcologiche del Comune di San Benedetto e il dottor Nello Giordani, sociologo e criminologo.
«L’iniziativa – sottolinea il professor Alberto Cresci – si propone di approfondire, fra gli adolescenti e non solo, il problema delle devianze alimentari. Un’alimentazione equilibrata è importante non solo per la cura di patologie, ma anche per migliorare e mantenere un adeguato benessere psichico».
Nell’ambito del convegno sarà presentata l’iniziativa “Dimmi come mangi e ti dirò chi sei”, un questionario sulle abitudini alimentari predisposto dai dottori Belli e Tosi nel corso delle lezioni dell’insegnamento Unicam di “Sorveglianza Nutrizionale” e somministrato nei giorni scorsi dall’Associazione Lavoratori per il Volontariato agli studenti di alcune scuole superiori della Provincia di Ascoli Piceno. La somministrazione del questionario sarà estesa, nel mese di maggio, anche agli studenti del corso di laurea in Biologia della Nutrizione dell’Ateneo di Camerino, per verificare quali sono le abitudini alimentari di studenti che dovrebbero conoscere il valore di una corretta nutrizione e in contemporanea anche agli studenti del corso di laurea in Nutricao y Alimentos Funcional dell’Università di Santarem in Portogallo che è consorziato con Unicam.
«E’ fondamentale che si mantenga col cibo un rapporto sano ed equilibrato – dichiara il dottor Mauro Angeletti, docente del corso di laurea Unicam in Biologia della Nutrizione – oggi, infatti, viviamo in un tempo in cui il cibo tende ad inseguirci, dopo essere stato per secoli oggetto di inseguimento, si mangia troppo o troppo poco, spesso male e in fretta. Fermiamoci e riflettiamo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 520 volte, 1 oggi)