Per saperne di più, rivedi il nostro Speciale andato in streaming pochi giorni fa

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Lotta al punteruolo rosso, una sfida da vincere insieme”: questo il titolo del convegno organizzato da Comune e Confindustria Ascoli e che si terrà venerdì 16 aprile dalle 9 fino al termine della mattinata presso l’Auditorium “Tebaldini” di viale De Gasperi.

A confronto esperienze di lotta al parassita killer delle palme, opinioni qualificate da parte del Servizio Fitosanitario regionale e della Università Politecnica delle Marche. E spazio anche per le esperienze di controllo del parassita in Campania e per una esposizione della biodiversità nella Riviera delle Palme a cura del professor Fabio Salbitano dell’università di Firenze.

«Mostreremo i nostri dati, le nostre percentuali di successo nella cura. Non abbiamo la soluzione al problema, ma un metodo integrato di forme di lotta», afferma Lanfranco Cameli, responsabile del verde pubblico per il Comune di San Benedetto.

L’approccio integrato presentato dall’agenzia pubblica Assam prevede la prima fase di potatura sferica e dendrochirurgia della palma infestata, poi un trattamento (i prodotti chimici però sono vietati in luoghi pubblici, eccetto durante periodi di deroghe provvisorie e per specifici prodotti), con batteri come i nematodi. Una terza fase a distanza di 30, 60 e 180 giorni per verificare la guarigione della palma, proteggendo dal contagio le piante vicine.

Abbattimento versus cura, questa è la dicotomia principale. Se la legge statale con il decreto ministeriale di lotta obbligatoria al punteruolo rosso impone l’abbattimento della palma colpita come soluzione prioritaria per evitare contagi, la Regione Marche con una delibera di giunta (la 357 del 2009) ammette la possibilità di tentativi di risanamento della pianta colpita, seguendo un protocollo ben preciso che, sottolineano dall’Assam, mette al riparo dalle infestazioni le palme sane.

Dice Sandro Nardi dell’Assam: «L’approccio integrato è una peculiarità del nostro metodo di lotta. Usiamo contemporaneamente una serie di metodi che presi singolarmente non hanno efficacia. Il nostro gruppo di lavoro non usa però l’endoterapia e l’applicazione delle microonde, tuttora in fase di verifica di efficacia. Abbiamo avuto risultati interessanti dalla cattura massale, con trappole per le femmine che stanno per deporre le uova».

A domanda sul rischio contagio alle palme sane, Nardi assicura: «Anche senza usare gabbie fisiche, i nostri trattamenti tengono conto del rischio e si regolano di conseguenza».

Percentuali di successo? Nardi afferma che è presto per avere dati aggregati (l’infestazione in Riviera dura dal 2007, in altri posti è meno recente): «Con l’approccio di cura integrata abbiamo avuto una bassa quota di reinfestazioni, poi è logico che ogni metodo sperimentale ha caratteri di validità ma anche limiti».

COMUNE DI SAN BENEDETTO, CI SONO LE RISORSE? Un problema in più il punteruolo lo pone dal punto di vista delle risorse umane. Il Comune ha abbastanza giardinieri? Non sarebbe il caso di averne di più? Quanti soldi servono per contribuire alla lotta al punteruolo nei confronti dei cittadini proprietari di piante? Ricordiamo che il Comune contribuisce con 300 euro per ogni palma malata su terreni privati, ma la cura ne costa almeno mille. L’abbattimento anche di più, visto che il materiale poi va smaltito secondo procedure ben precise.
Risponde l’assessore all’Ambiente Paolo Canducci: «Nel nostro programma di mandato del 2006 c’è un preciso impegno a potenziare il Servizio Parchi e Giardini, pur se a quel tempo il punteruolo ancora non ci aveva raggiunti. Nel 2009 sono stati assunti due giardinieri in più per sei mesi. Altre due unità sono passate a dodici mesi di servizio. A breve faremo un bando per assumere altre due persone in servizio per sei mesi. E d’estate, come al solito, attingiamo dalla graduatoria esistente per avere dalle quattro alle sei unità di personale. Per il monitoraggio delle palme malate abbiamo l’aiuto della Protezione Civile. Comunque, nei mesi scorsi abbiamo richiesto alla Regione un finanziamento di 600mila euro per la lotta al punteruolo nell’intera Riviera».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.207 volte, 1 oggi)