FERMO – Al Recchioni ci sono solo gli abbonati della Fermana, è triste perchè una partita come questa avrebbe attirato tanto pubblico e tanto entusiasmo. Ma tant’è, le forze dell’ordine hanno deciso così. La Prefettura, preso atto dell’informativa giunta dal Commissariato di Fermo in cui si raccomandava di attenersi alle decisioni prese precedentemente dal CASMS, visto il perdurarsi del clima di ostilità tra i tifosi gialloblu e la società del presidente Andrea Morroni, ha disposto l’accesso allo stadio Recchioni per i soli abbonati della società canarina.

Formazioni in campo con le divise tradizionali.
LE FORMAZIONI:

SAMB: Chessari, Ogliari, Nicolosi, Oresti (56′ Zazzetta), Pulcini, Mengo, D’Angelo, Rulli, Gentili (74′ Giandomenico), Cacciatore (77′ Marzeglia), D’Aniello. A disposizione D’Ambrogio, Bizzarri, Natalini, Bianchi All. Ottavio Palladini
FERMANA: Ruspantini, De Fabritiis, Colella, Giuliodori, Cameli, Troli, Petrucci (67′ Tonelli), Angelini, Cacciatori, Pompei (60′ Cicotello), De Reggi. A disposizione Paolini, Spina, Simoni, Lunerti, Spinozzi. All. Roberto Beni
Ammoniti: Nicolosi, Oresti, Zazzetta, De Fabrittis (F)
Arbitro Sommese di Nola

Giornata soleggiata, 19 gradi e bellissima luce.

9′ Cacciatore sulla fascia destra, cross ad attraversare l’area, sulla sinistra Rulli svetta e indirizza la palla in rete, Ruspantini c’è

13′ Tiro del capitano Giuliodori di poco a lato. Il numero 4 si era avanzato sulla mediana centrale, tirando a rete di prima intenzione dopo un appoggio indietro del sambenedettese in maglia canarina Giovanni Pompei

15′ Tiro di controbalzo di Angelini, diagonale dalla destra sufficientemente a lato per non impensierire Chessari.

Partita equilibrata, una Samb ben disposta in campo cerca di bloccare una Fermana abbastanza intraprendente, vogliosa di mettersi in mostra contro la capolista e anche di conquistare punti utili ad accedere nei play off.

24′ Dopo un’azione avvolgente partita dalla fascia sinistra con Rulli, ecco D’Aniello che crossa dalla destra, palla rasoterra, Cacciatore dal vertice destro dell’area gira a rete di prima intenzione, ottimo tiro che sarebbe stato imparabile sul palo sinistro di Ruspantini, se solo fosse stato di mezzo metro più basso.

25′ Palo clamoroso di Cacciatore, che scatta alle spalle della difesa canarina beffando la trappola del fuorigioco. Cacciatore converge in area dalla destra, Ruspantini esce e gli chiude lo specchio, l’attaccante rossoblu cerca di piazzare la palla sul primo palo con un destro giusto che però si infrange sul palo basso, attraversando poi tutta l’area fermana in cui però non c’era alcun giocatore.

Minuti finali del primo tempo, ritmi non alti ma partita godibile. Momenti di stop del gioco per uno scontro fra Troli e Cacciatore, con incornate reciproche in una battaglia aerea. Il giocatore fermano ha la peggio ma ricomincia a giocare tranquillamente dopo le medicazioni.

Ammonito Nicolosi per un fallo da dietro su Petrucci.

La Samb chiude in attacco. Prima un D’Aniello versione ala destra guadagna un angolo che si rivela mettere in affanno la difesa locale. Sugli sviluppi, una sortita di D’Angelo in area piccola viene neutralizzata dal sicuro Ruspantini.

47′ Ottima discesa di Pompei che parte dalla sua metà campo fino ad arrivare ai margini della linea di fondo sulla sinistra, dove viene fermato in tandem da Ogliari e Oresti, poi ammonito per proteste. Punizione dalla sinistra, spizza Cacciatori di testa, palla sul palo opposto, Chessari si distende e devia. Ottimo intervento del portierone rossoblu.

SECONDO TEMPO

Cacciatore in campo con una fasciatura sulla testa a causa della botta presa nel primo tempo nello scontro con Troli.

Fermana ben messa in campo ed aggressiva.

11′ Palladini sceglie di sostituire Oresti con Zazzetta.

12′ Cacciatore è un cecchino e porta in vantaggio la Samb. Ottimo lavoro di Gentili sulla fascia destra, dribbling a rientrare, palla sul sinistro e diagonale in profondità che si incunea fra i colpevoli difensori centrali canarini. Cacciatore è solo quasi sul dischetto del rigore, controlla e punisce Ruspantini con un sinistro sul primo palo.

23′ debole tiro di De Reggi verso la porta di Chessari che para senza patemi. Fermana che ha accusato il colpo soprattutto nella determinazione negli ultimi metri. La manovra continua a non essere disprezzabile, ma l’attacco pare avere le polveri bagnate in questa ripresa.

Partita meno godibile, spezzettata, interventi fallosi da una parta e dall’altra, non c’è fluidità nelle rispettive manovre e la stanchezza rende imprecisi.

34′ rigore per la Samb. Ottimo Zazzetta sulla sinistra, discende la fascia e poi frena, palla indietro con un elegante tacco per Giandomenico che in area viene atterrato da uno scoordinato De Fabritiis a piedi uniti. Batte Ogliari, palla sul palo destro del portiere Ruspantini che indovina l’angolo ma viene sopraffatto dalla precisione del terzino.

Fermana sfiduciata, la Samb giochicchia volando verso la vittoria del campionato.Fischio finale, la Samb conquista vittoria, primo posto e serie D. Evviva, che sia il primo passo verso una rapida risalita nel mondo calcistico che meritiamo.

Apoteosi per i Palladini boys, che festeggiano il proprio mentore portandolo in trionfo. Scena curiosa quando la squadra rossoblu tutta unita compie il solito saluto ai tifosi sotto alla curva…vuota. Un ideale inchino verso sud, verso quella San Benedetto che ha amato questi ragazzi e che ama ora più che negli anni passati questa nuova società sportiva. La Us Samb torna in quella serie D che l’estate scorsa una decisione fin troppo severa le ha sottratto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.435 volte, 1 oggi)