SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “In Ospedale le cose non migliorano ed infatti la campagna elettorale ha già spento tutti gli ardenti animi”. Lo afferma in una nota l’assemblea territoriale di Cittadinanzattiva.

“In Pronto Soccorso il terzo ambulatorio non è mai stato attivato e l’utenza continua a lamentarsi per le attese, la situazione poi non è chiara sul come andrà ad evolversi in vista del trasferimento provvisorio dei locali del Pronto Soccorso, locali molto più ristretti rispetto agli attuali. Il tutto alle porte di una stagione estiva che come al solito porterà il triplo dell’utenza”.

E ancora sulle file: “Le lunghe file di fronte alla sala gessi continuano ad esserci e per due giorni la settimana, al mattino, l’ambulatorio continua a rimanere chiuso per carenza di personale. L’Ufficio informazioni al pubblico talvolta è chiuso e non si sa perché. L’Area vasta per ora è solo una occasione politica ma infruttuosa in termini di ricaduta qualitativa nei confronti del cittadino utente. Che fine ha fatto l’esperienza dell’Oculistica in area vasta dopo tutte le diatribe interne che ci sono state?”.
Cittadinanzattiva poi si dice non soddisfatta dall’amministrazione della zona 12 affidata al commissario straordinario Massimo Esposito. “La qualità – si legge nella nota del movimento civico – si migliora attraverso una diversa organizzazione dei servizi e del lavoro ma pare che non ci si capisca o non si vuole capire. Ma come operano i livelli organizzativi in questa struttura? Chi controlla i livelli organizzativi deputati a garantire la qualità assistenziale?”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 715 volte, 1 oggi)