SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Istituto Alberghiero, dopo la tempesta delle scorse settimane, con le proteste degli studenti e di alcuni genitori arriva una difesa del preside Giovanni D’Angelo. La firma l’imprenditore ed ex assessore della giunta Perazzoli, Nazzareno Torquati. Che afferma: «Oltre mille studenti per una scuola professionale ad unico indirizzo per una realtà come la nostra è sicuramente spropositato, esagerato. Viene da domandarsi a cosa è dovuto questo continuo incremento di studenti e se poi è possibile dare loro un lavoro adeguato».

Nota poi Torquati facendo riferimento alla sua esperienza politica: «Quando nel 2000 realizzammo un’indagine riferita proprio all’Alberghiero il risultato fu avvilente, solo il 2% degli allievi diplomati negli ultimi tre anni avevano trovato lavoro nelle attività ricettive locali, in maggioranza figli o parenti degli esercenti, il 10% invece si era inserito nel circuito delle navi da crociera e dei lavoratori stagionali estivi ed invernali, un ulteriore 10% si era iscritto all’Università mentre i restanti risultavano disoccupati o altrimenti occupati. Questi risultati – continua Torquati – dovevano creare un allarme ed una inversione di tendenza nella sopravvalutazione della nostra economia turistica ed indirizzare quindi la formazione verso attività a turn-over generazionale negativo quali ad esempio la risorsa Mare, l’artigianato tipico e di qualità, l’agricoltura, l’elettromeccanica, le costruzioni, oppure l’allora nascente industria delle energie rinnovabili.
Invece niente, anzi si sono continuate a creare aspettative e a millantare performance con le presenze turistiche».

Prosegue poi Torquati: «Ancora oggi si fanno spregiudicati convegni, si spendono centinaia di migliaia di euro e si scomodano professoroni per fare ricerche di mercato per l’incremento turistico e nessuno parte dai dati fondamentali necessari per qualsiasi programmazione: quanto è il fatturato aggregato, quanti sono gli addetti, quanto incide sull’economia locale, quali sono i pro o i contro o meglio i costi/benefici dei progetti che si andranno a realizzare».
«Così per mascherare profonde lacune i vari politici che si sono succeduti hanno improntato la loro azione su due perni strettamente collegati, l’urbanistica ed il turismo, l’uno interfaccia dell’altro perché è notorio che gli appartamenti in zone turistiche hanno un valore molto alto e non fa niente se abbiamo quasi quattromila appartamenti vuoti sia per la speculazione estiva, con affitti stagionali tutti in nero, che per l’alto costo degli affitti per cui le famiglie indigenti sono costrette ad occupare le case popolari».
Conclude Torquati: «La tempesta che sta sconvolgendo l’Alberghiero è anche frutto di una mancata politica socio-economica e le colpe non vanno scaricate tutte al preside in carica, perché governare oltre mille studenti in un edificio che è al 20% inagibile non è uno scherzo. Solo con una profonda conoscenza della nostra economia ed individuando così i veri settori trainanti e con possibilità di grande sviluppo possiamo uscire fuori dal tunnel in cui ci siamo infilati per cui siamo continuamente sollecitati alla cementificazione di tutto il territorio. Ma per far questo è necessario che l’elettorato individui e penalizzi i millantatori e premi persone meritevoli che intendono la politica come servizio e non come una carriera».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 955 volte, 1 oggi)