CUPRA MARITTIMA – Un percorso tra le canzoni di Francesco Guccini e quelle delle sigle dei cartoni animati anni Settanta e Ottanta. Si tratta dell’esibizione del Maestro Vince Tempera insieme ai RossoPiceno di sabato 27 marzo al Cinema Margherita. Il tutto legato da un racconto che lo stesso Vince Tempera ha condiviso con il pubblico, narrando episodi ricchi di emozioni e ricordi.

La folkband locale RossoPiceno inoltre ha colto l’occasione di sabato per esibirsi anche con delle canzoni scritte da loro. Il gruppo infatti per la prima volta ha presentato il brano “Il viaggio” che, insieme alla cover dei Gang “La canzone dell’emigrante” ed il pezzo strumentale “Me sem Rom”, andrà a fare da colonna sonora ad un film. Si tratta di un documentario sulla vita dei Rom che punta l’attenzione in particolare sulle vicende del campo nomadi Casilino di Roma. Il documentario è stato realizzato da dei ragazzi di Offida: Ermelinda Coccia, Davide Falcioni ed Andrea Cottini.

Hanno affermato i RossoPiceno: «Suonare con Vince Tempera per noi è un piccolo grande traguardo, è stata un’esperienza unica ed emozionante che speriamo di poter ripetere». Il Maestro ha aggiunto: «Ho trovato un buon pubblico, i RossoPiceno hanno suonato bene e devo dire che sono dotati di un valido cantante».

L’evento è stato organizzato dalla Consulta Giovanile di Cupra, dal Comune e dall’associazione Culturale L’Arca dei Folli. Una serata artistica a tutti gli effetti poiché sul palco del Cinema Margherita infatti erano presenti anche le opere della pittrice Annunzia Fumagalli e dello scultore Nazzareno Tomassetti, opere che a giugno andranno in esposizione al Louvre. Il maestro Vince Tempera alla fine del concerto si è trattenuto con il pubblico presente, mostrandosi molto disponibile nel firmare autografi e fare foto.

«Siamo gratissimi a Vince Tempera – hanno dichiarato dall’amministrazione Comunale – per la sua venuta a Cupra Marittima. Ci ha onorato con la sua presenza, e l’incontro con il pubblico è stato un raro esempio di cortesia, amicizia, disponibilità. Ci ha fatto partecipi della sua vita, raccontandoci episodi illuminanti sulla storia della musica degli ultimi decenni».

Concludono: «Con tatto ci anche educato ad una migliore comprensione e più mirato ascolto della musica. Ha stabilito subito un feeling eccezionale con i RossoPiceno, come solo un eccellente maestro può fare. Come Amministrazione lo ringraziamo ancora, con la speranza che possa ritornare presto a Cupra».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 963 volte, 1 oggi)