GROTTAMMARE – “Giovani e sport”, il progetto voluto dall’assessore Filippo Olivieri con l’avallo del Presidente Piero Celani, avanza i suoi lavori. Dopo aver ascoltato le richieste e compreso le esigenze delle associzioni del territorio, sono stati ascoltati i giovani.

Ad oggi, hanno risposto ai questionari somministrati dall’Iiris (Istituto Italiano Ricerca Informazione Statistica) circa mille e 500 studenti tra i 14 ed i 19 anni, grazie alla positiva collaborazione di tutti e 14 gli Istituti scolastici provinciali.

I primi risultati sono stati illustrati dalla dottoressa Vera Mascaretti, coordinatrice del progetto e direttore dell’Istituto. Sembra che i giovani si stiano allontanando dallo sport e le cause, stando agli studi condotti, inducono i giovani a distrarsi dell’attività agonistica possono essere riconducibili a molti fattori, come la difficoltà a conciliare lo studio con l’attività sportiva, le incomprensioni con i genitori, i costi troppo elevati, ma anche come detto i social network ed i videogiochi, fino a motivazioni più preoccupanti come alcool e droga.

«Inoltre molti sport – si afferma – soprattutto quelli meno popolari mancano di infrastrutture per poter praticare, così spesso, la passione cede il posto alla pigrizia, ed è proprio la mancanza di determinazione una delle principali causa di abbandono precoce.  I giovani amano lo sport, soprattutto come occasione di socializzazione e di divertimento, si sentono appagati da altri interessi, e sono poco disponibili ad impegnarsi per qualcosa che costi fatiche e rinunce senza un  immediato rientro».

I risultati, che hanno evidenziato spunti interessanti, saranno analizzati in maniera più approfondita in occasione della giornata dello Sport, che si svolgerà a Grottammare nella terza settimana di maggio, che vedrà – oltre alla presentazione della ricerca – anche iniziative sportive pratiche e la presenza di testimonial d’eccezione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 468 volte, 1 oggi)