ASCOLI PICENO – Sono state salutate dal sindaco Guido Castelli le 500 nuove soldatesse volontarie che trascorreranno presso la caserma del 235° battaglione “Piceno” le nove settimane previste dall’addestramento base e che sono arrivate in città ieri, martedì 23 marzo, provenienti da tutta la penisola.

Nella sala “Caduti di Nassirya” della caserma “Emidio Clementi”, il primo cittadino ha rivolto il proprio messaggio di benvenuto alle ragazze, di età compresa tra i 18 e 25 anni, che hanno volontariamente scelto di abbracciare la carriera di soldati.

«Le soldatesse del 235° Reggimento – ha detto Castelli – sono un vanto per la città di Ascoli, come già accadeva in passato per gli Allievi Ufficiali, in quanto rappresentano un modello culturale a cui ci sentiamo vicini per i valori di patria, senso del dovere e rigore morale che incarnano; rappresentano indubbiamente la parte migliore e sana dell’Italia e siamo orgogliosi che possano veicolare il nome e l’immagine della Città di Ascoli Piceno su tutto il territorio nazionale».

Come noto, infatti, il 235° Rav “Piceno” è l’unico tra i Reggimenti dipendenti dal Generale di Brigata Attilio Claudio Borreca, Comandante del Raggruppamento Unità Addestrative di Capua, cui la Forza Armata ha assegnato il compito istituzionale di avviare alla vita militare il personale volontario di sesso femminile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.051 volte, 1 oggi)