ASCOLI PICENO – Dal coordinatore di Sinistra e Libertà di Ascoli Pietro Cordoni arrivano accuse a centrodestra e centrosinistra per il mancato rispetto delle leggi che regolano le affissioni dei manifesti elettorali.

«Il comportamento finora tenuto – spiega Pietro Cordoni in una nota – da alcuni esponenti dei partiti del centro-destra, nonchè del centro-sinistra ha dell’inverosimile e del vergognoso. Con assoluto dispregio delle vigenti disposizioni di legge che regolano le modalità d’effettuazione delle campagne elettorali, i maggiori esponenti di questi schieramenti ed i loro più fervidi sostenitori stanno “occupando” in modo illegittimo ogni più piccolo spazio della città!».

Per il membro del partito che sostiene la candidatura alla presidenza della Regione di Massimo Rossi alle prossime elezioni regionali, i politici locali stanno superando i limiti: «Affissioni abusive fuori degli appositi spazi elettorali e mancato rispetto degli spazi assegnati ad ogni singolo partito – continua Cordoni nella nota – sono i casi più diffusi ed eclatanti che i cittadini possono quotidianamente verificare con i propri occhi: fermate degli autobus, muri di case private e via così».

«Non paghi di tutto ciò – aggiunge il rappresentante di Sinistra e libertà – dopo aver iniziato una campagna elettorale a suon di molte migliaia di euro subito dopo lo scorso Natale e impostato la loro azione in tal modo, alcuni candidati ancora oggi ad una settimana dalle elezioni usano i mezzi pubblici di trasporto ed effettuano una vera e propria illegittima “occupazione” dei parcheggi pubblici in città, con auto “a propria immagine e somiglianza».

Cordoni non risparmia accuse di mancato intervento «da parte delle autorità preposte alla vigilanza ed al controllo delle modalita’ d’effettuazione della campagna elettorale (Prefettura, Polizia Municipale e forze dell’ordine in genere), nonchè da parte del Difensore Civico dell’Amministrazione Comunale” e afferma che «Sinistra Ecologia e Liberta con Vendola inoltrerà la presente nota alle Autorità preposte alla vigilanza, auspicando che si ponga fine, almeno per gli ultimi giorni, ad uno spettacolo indecoroso ed indecente per la città di Ascoli».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 618 volte, 1 oggi)