[diretta-ro]
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Venerdì 18 marzo confronto in diretta video, alle ore 16, tra Paolo Canducci (Verdi) e Luca Vignoli (Pdl). Per partecipare inviate le vostre domande a info@rivieraoggi.it.

Le trasmissioni in diretta video di Rivieraoggi.it hanno un carattere sperimentale in viste dell’imminente lancio del nuovo sito.

CLICCA SUI VIDEO A LATO PER VEDERE LE SETTE PARTI DEL DIBATTITO

FLAMMINI Domanda dal lettore Nazzareno, su un tema dibattuto come il nucleare. Vignoli e Canducci, cosa ne pensate?

VIGNOLI Ritengo che questa non notizia diffusa in campagna elettorale sia una scorrettezza, o meglio, è evidente che sia strumentale diffondere ad arte questa non notizia e creare disorientamento. La cosa non mi ha sconvolto più di tanto, nelle lettere elettorali per le famiglie ho scritto in maniera chiara che il nucleare alla Sentina è irrealizzabile e che se qualcuno ci provasse sarei contrario. Lì non si può costruire neanche un capanno per gli attrezzi, figuriamoci.

In generale dico che non posso che avere rispetto del referendum antinuclearista, ma qualora si volesse farlo tornare in auge, servirebbe una campagna di informazione seria e approfondita, qualunque altro tipo di decisione sarebbe forzatura, e io sono contrario alle forzature per principio.

CANDUCCI La nostra posizione è ben nota, comunque per noi non c’è discussione, non solo perché è una Riserva, ma poi il Governo passando sopra alle volontà popolari ha fatto discariche a Napoli in Riserve naturali…Comunque, il problema è che il nucleare è scelta anti economica. Poi non si parla di scorie, e la tecnologia che si vuole utilizzare è antiquata.

FLAMMINI Domanda di Alessandro Palestini. Quale posizione avete sulla cassa di colmata realizzata sul molo nord del porto di San Benedetto?

CANDUCCI Lo hanno deciso Regione e Genio Civile e risolve problema storico, quiello dello stoccaggio delle sabbie non adatte al rinascimento. Se il sito manca, verrebbero sversate al largo. Rispetta leggi di decreti ministeriali, è controllata, fino a ieri le sabbie sporche si buttavano al largo. Se siamo preoccupati per quello che c’è nella cassa di colmata, come mai non lo siamo quando quei materiali stanno nei fondali del porto?

VIGNOLI Rispetto le posizioni ambientaliste, dà fastidio che i Verdi la buttano in politica, mentre l’ambiente riguarda il buon senso, non si può paragonare una discarica a una centrale nucleare, in Campania anche con le forzature abbiamo risolto un problema vergognoso…e poi anche Obama sta tornando al nucleare.

Comunque, sulla cassa di colmata penso ci sia stata ipocrisia del centrosinistra, se lo avessimo fatto noi Canducci si sarebbe incatenato al porto per protesta. Ritengo che sia una delle tante brutte figure fatte da questa amministrazione, e il sindaco disse pure che era una opportunità per il territorio. Operazione poco trasparente, sensazione sgradevole, il Comune se ne è fregato.

CANDUCCI Sulla cassa di colmata, dire che mi sarei incatenato è un errore, quando Martinelli fece il ripascimento con la sabbia del porto non protestammo, fidandoci dei controlli. Dire che l’operazione era poco trasparente non lo accetto, fu un accordo fra ministero e Regione, sono stati fatti controlli, approfondimenti anche della Procura della Repubblica.

VIGNOLI La poca trasparenza insita nel comportamento del Comune, Gaspari ci ha messo due mesi per rispondere alle dieci domande di Nazzareno Torquati. A noi i Verdi diedero dei barbari quando spostammo delle piante dal Corso.

FLAMMINI Il nostro lettore Andrea Illuminati parla di Piceno trattato male da Ancona

VIGNOLI Andrea ha ragione, è vergognosamente stato dimenticato, la responsabilità è del centrosinistra, è oggettivo. Non mettiamo tutto nel calderone, le responsabilità qualcuno se le deve prendere, noi siamo stati all’opposizione negli ultimi 15 anni. Negli incontri che facciamo in queste settimane, ripeto che il primo impegno da prendere, di destra o sinistra, è quello di avere per il futuro una più equa ripartizione delle risorse fra i territori. Non vogliamo passare avanti a nessuno, ma pretendiamo ci diano quello che è di nostra competenza . Sul discorso delle tariffe, la Regione non ha competenze su queste cose, le tariffe energetiche sono ministeriali, quelle dell’acqua sono degli Ato, la Tarsu è comunale con piccola aggiunta della Provincia. Ma l’aiuto alle imprese è fondamentale, con meno burocrazie e non aumentare le tasse.

CANDUCCI Non farei proprio questa semplificazione. Sicuramente Ancona e Pesaro hanno avuto un ruolo principale in questi anni, ma non è che c’è stato il deserto totale, non dimentichiamo i fondi per la elettrificazione della ferrovia Ascoli- San Benedetto, i fondi per la messa in sicurezza del Paese Alto e piazza Kolbe che ho chiesto io, i fondi per il sottopasso di via Pasubio. Forse si poteva fare di più, colpa di chi ci ha rappresentato finora in Regione.

Per i rifiuti, c’è politica regionale che conta tantissimo. La gestione dei rifiuti deve essere volta ad aumentare oltre al 50% la raccolta differenziata, incentivando i Comuni meno virtuosi, solo così si possono abbassare le tariffe o stabilizzarle, ed evitare i termovalorizzatori, che sono l’opposto di una corretta gestione dei rifiuti.

FLAMMINI Per Canducci una domanda sul ripascimento della spiaggia a Grottammare e Cupra con delle sabbie sottomarine scure provenienti dal centro dell’Adriatico. E’ stata un’azione portata avanti dall’assessore regionale Carrabs dei Verdi. Che ne pensa anche del fatto che a sud del Tesino stanno tritando i sassi per farne sabbia?

CANDUCCI Quello della difesa della costa è un problema, i fiumi non portano più materiali, il mare consuma la spiaggia. Mentre le spiagge sono fonte di reddito per industria del turismo, dobbiamo tutelare l’ambiente e l’industria turismo. Portare sabbia si fa dappertutto, anche da cave sottomarine come fanno in Abruzzo. Sono stati fatti esami, è tutto compatibile, certo, è più scura, ma un conto è parlare di estetica, un conto è parlare di qualcosa di ambientalmente devastante. Non dimentichiamo che anche le scogliere sono “innaturali”. E’ chiaro che il colore più scuro dà un impatto visivo importante, ma non bisogna preoccuparsi. Non dimentichiamo che a sud del Tesino l’intervento è stato richiesto dal Comune di Grottammare, quando le mareggiate portavano i sassi contro le macchine in strada sul lungomare.

VIGNOLI Non vorrei fare eccessive polemiche, però Canducci usa parole preoccupanti. Dire che il colore diverso è solo un problema estetico, mi sembra superficiale. L’impresa turistica vive anche di immagine, i cittadini e i turisti rimangono sconcertati. Non metto in discussione la buona fede e la necessità di intervenire, ma le preoccupazioni sono legittime. Sentire parlare di esperimenti, non fa piacere. Ai turisti chi glielo spiega?

CANDUCCI Prima c’erano operatori turistici senza sabbia, ora ce l’hanno e sono soddisfatti, c’è anche l’albergatore Filippo Olivieri fra questi, e non mi pare abbia protestato. Sono 300 metri su otto chilometri.

VIGNOLI Però il problema sono i turisti..staremo a vedere….

FLAMMINI Per Vignoli, una domanda sulla nascita della sua candidatura dell’ultimo minuto al posto di Gabrielli.

VIGNOLI La questione è complessa. Lessi le posizioni di Giorgio De VEcchis, che è un collega di intelligenza straordinaria. Mi dispiace che negli ultimi anni non abbia avuto tanto feeling con le posizioni di partito. Metodo antidemocratico? Diciamo che il problema esiste. Sulla mia candidatura c’è stata legittima sfida fra me e Bruno, è un male che si sia andati troppo lunghi con i tempi, forse era meglio scegliere per tempo. Nello specifico, ritenevo che la mia fosse la “scelta giusta”, la mia opportunità di crescita politica dopo 14 anni di gavetta in consiglio comunale, Bruno è da pochi mesi assessore provinciale

Gabrielli si è comportato bene anche prima, purtroppo abbiamo il problema della ripartizione fra ex An ed ex Fi, sono meccanismi da oliare. Mi fa piacere che Gabrielli abbia riconosciuto la mia correttezza. E io gli ho riconosciuto grande signorilità. Sicuramente a livello locale il Pdl ha bisogno di ristrutturazione, da consigliere regionale vorrei dedicarmi anche a questo. Ho tante idee, vorrei sviluppare una rete organizzativa di supporto a sostegno di sindaci, assessori e consiglieri, che troppo spesso si sentono abbandonati a loro stessi, anche nei rapporti con il Governo centrale.

FLAMMINI Siete entrambi personaggi conosciuti della politica sambenedettese, in merito all’amministrazoine Gaspari vorrei un parere fuori dagli schemi. Vignoli dica una cosa positiva, Canducci parli dei difetti

VIGNOLI Mi mettete in imbarazzo, a Canducci ho sempre riconosciuto l’impegno, bene il lavoro sulla raccolta differenziata, magari con alcune pecche, ma mi sembra positivo. Ho sensibilità ambientalista, mica quelli di destra non ce l’hanno. Per il resto Gaspari è un fallimento politico – sta in piedi grazie alle “stampelle” – e amministrativo, hanno fatto solo ordinaria amministrazione. Rimane un anno, difficile recuperino, oltretutto non hanno più neanche la stabilità politica interna.

CANDUCCI Non condivido la visione del fallimento. Cosa non è andato? Sicuramente i tempi, nel senso che la città era ferma, abbiamo trovato città immobilizzata, dove ci si era concentrati solo nella pur meritevole opera del lungomare, ma il resto era stato abbandonato, a partire dalla macchina burocratica. Le istanze erano molte, molti chiedevano a noi di fare quello che non aveva fatto Martinelli. Però la nostra tempistica è stata sempre dilatata, ma io ricordo che nel 2006 al bilancio partecipato la gente era inferocita, c’erano zone dove la manutenzione ordinaria non si faceva da decenni. Ora la tensione si è allentata. Chiaro, abbiamo sacrificato la prosecuzione del lungomare, ma almeno abbiamo dato risposte a vecchie domande rimaste sospese.

Comunque termineremo progetti importanti, come la riqualificazione dell’Albula.

VIGNOLI Ai primi incontri partecipai anch’io, ma non ricordo gente inferocita. Canducci parla di tempi lunghi,,, vuol dire che non avete fatto niente? Avete trovato città immobilizzata? Ma se abbiamo fatto 40 milioni di opere pubbliche senza aumentare le tasse? Vero, avevamo problemi di tenuta politica, ma abbiamo fatto e realizzato. E lasciato a voi finanziamenti. Noi nel 2001 non trovammo nulla, invece.

CANDUCCI Albula e pineta, voi avete avuto i finanziamenti e non siete riusciti a usarli…

V IGNOLI Ma se un anno dopo già non governavamo più….e voi in quattro anni non li avete usati…

FLAMMINI Su cosa vi impegnereste in maniera certa se veniste eletti, cosa contraddistinguerebbe il vostro mandato?

CANDUCCI Nell’immediato, ritengo sia necessario impegnarmi ad attuare il progetto dell’Ispra sulla Sentina per recuperare laghetti e spiaggia, rendendo finalmente la Riserva uno spazio vivibile per tutti

VIGNOLI Io vorrei fare una proposta di legge per aumentare i poteri di controllo dei cittadini sulla sanità. Nel pubblico quando il cittadino controlla le cose funzionano meglio. In questo ci credo, noi persone comuni nei bilanci famigliari mettiamo impegno, spesso questo non accade nel settore pubblico.

CANDUCCI Però non dimentichiamo che i conti della sanità della Regione Marche stanno a posto. Certo, la partecipazione che cita Vignoli è importantissima, ma io la allargherei per legge in tutti gli ambiti, estendendola a tutti i settori dell’amministrazione pubblica.

FLAMMINI Sul Fatto Quotidiano si parla di ndrangheta che nel nord Italia avrebbe sponsorizzato elettoralmente l’europarlamentare Pdl di origini sambenedettesi Carlo Fidanza

VIGNOLI Non ne sono al corrente, non saprei come commentarla. Emerge dalle intercettazioni? Ma se non è neanche indagato…è brutto fare queste associazioni, Fidanza è un ragazzo straordinario, è una persona talmente pulita che questo mi sembra per forza volergli buttare addosso del fango. Non mi interessa questa modalità, queste chiacchiere, trovo scorretto abbinare un politico ad una associazione criminale senza riscontri. Se c’è un’inchiesta, posso commentare, altrimenti no

CANDUCCI Trovo spiacevole la politica delle intercettazioni, l’uso che ne fanno i media, con i titoli su cose che magari c’entrano poco con la politica, non si mette in condizione il cittadino di capire i programmi, i media dovrebbero dare strumenti per far capire ai cittadini le differenze fra i programmi, invece qui i giornali pensano solo a conversazioni pruriginose.

FLAMMINI Domanda per Canducci, la rimessa della Start a Ragnola e gli scarichi nell’aria

CANDUCCI La Regione potrebbe fare qualcosa, quella sede non va bene, per via delle dimensioni , poi serve un distributore di metano

VIGNOLI Si, è un problema che conosco, le città andrebbero ristrutturate da cima a fondo.,,, conosco bene il problema.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.532 volte, 1 oggi)