GROTTAMMARE – Quest’anno il bilancio, come spiega direttamente il sindaco Luigi Merli, è stato portato all’approvazione deliberatamente con un po’ di ritardo. Il motivo, i continui cambiamenti alla Fnanziaria: «Volevamo avere la certezza di mettere gli uffici in condizione di lavorare – spiega – senza doversi ritrovare magari con l’impossibilità di finire un progetto».

«Come costo generale – spiega Alessandro Rocchi, delegato al Bilancio – l’aumento più consistente è quello legato allo smaltimento dei rifiuti, dovuto alla presenza dei cassonetti e prossimo a diminuire con l’incrementare della raccolta porta a porta, proprio perché dminuiranno i rifiuti consegnati in discarica».

Diminuiti i trasferimenti della Regione per il sociale e per il 2011 si ventila già l’azzeramento completo. Altro aumento, riguarda la voce del personale, che ogni anno aumenta di circa 100 mila euro per il rinnovi contrattuali.

In definitiva quindi si riconferma la situazione finanziaria locale, aggravando però per certi aspetti le tendenze degli ultimi anni, che vedono sempre più tagli ingenti proprio laddove occorrerebbero più finanziamenti.

Il Comune, anche se per certi versi viaggia sull’incertezza dovuta all’insicurezza dei fondi a disposizione per i prossimi anni, sta comunque “bene”: le prime tre voci nel prospetto di spesa, Personale, Interessi e Rimborso mutui, sono rispettivamente al 30,14%, 5,15% e 3,27%. Nel particolare, gli interessi e il rimborso mutui, sommate, arrivano a 8,42, ovvero a circa la metà del consentito per legge, il 15%.

Si rilancia, sempre nell’ottica di finanziamenti risicati, il lato dello sviluppo economico, che passa da quasi 29 mila euro del 2009 a poco meno di 42 mila euro per il 2010.

Per quanto riguarda le opere pubbliche, i lavori sono tutti già in essere o in procinto di partire, e si leggono: la riqualificazione del percorso di accesso al vecchio incasato da via Sant’Agostino, la scuola materna ed elementare di via Ischia, il nuovo polo scolastico, la riqualificazione dell’edificio Erp “Povera Costante Maria”, il completamento dell’edificio dell’ex ospedale, il recupero dell’edificio dell’ex-Municipio (museo Tarpato), di quello in via Palmaroli per alloggi Edilizia Residenziale Pubblica, il completamento del sistema comunale delle piste ciclabili, la riqualificazione del tratto di Lungomare a nord del tesino, la realizzazione del terzo blocco di loculi al cinmitero, l’archiviio comunale e la bonifica dei movimenti franosi al centro storico, il tutto per una spesa totale di 11 milioni 736 euro, di cui 10 milioni  296 sono stati già finanziati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 414 volte, 1 oggi)