ASCOLI PICENO – L’Amministrazione comunale di Ascoli comunica che sono terminati i lavori di recupero dei muretti di Lungo tronto che vanno da Santa Maria Intervineas al ponte di Campo Parignano.

I lavori, realizzati dalla ditta Travaglini con i fondi della circoscrizione Centro Storico, hanno riguardato il ripristino e risanamento dei muretti in pietra di delimitazione, permettendo così alla via di tornare all’antica bellezza.

Il Lungo Tronto, fin dal momento della progettazione provocò fortissime reazioni per il suo costo elevatissimo e quando i lavori iniziarono (1910) all’arteria fu dato inizialmente il nome di “Gran Via” e per innestarla alla piazza di S. Maria Intervineas e a via Trieste fu necessario abbattere la chiesa di S. Maria del Suffragio e modificare l’incrocio.

«Il recupero dei muretti in pietra di questa arteria stradale è anche la dimostrazione della vicinanza dell’Amministrazione Comunale alle memorie storiche della città» dice il sindaco Guido Castelli.
Sempre in materia di opere pubbliche l’assessore Gianni Silvestri interviene per fare il punto sulla situazione di alcune strade comunali che presentano forti dissesti con buche e sampietrini divelti, mostrando uno scenario oltre che brutto a vedersi anche pericoloso.

«Mantenere in efficienza le strade ascolane è davvero un’impresa ardua in un momento in cui la grave crisi economica affligge pesantemente anche il bilancio comunale. Abbiamo oltre 390 km. di strade e ben 76 frazioni ma con un po’ di sacrifici, cercheremo di fare quanto di meglio ci sarà consentito; ma in questi mesi non si è stati con le mani in mano, anche se l’ultima nevicata sicuramente ha acuito alcune emergenze».

«In queste settimane – prosegue l’assessore Silvestri – siamo intervenuti in diverse strade, eliminando situazioni di pericolosità come su viale Rozzi, buche nelle strade cittadine, cosi come nelle frazioni di Coperso, a Pianacerro, a Montadamo, Cargnano, Monte di Rosara,  Bretta– Ischia, ecc., con un importo di oltre € 40.00,00».

«Non va dimenticato, recependo osservazioni sul piano delle Opere Pubbliche come quelle del consigliere Sante Agostini, che questa Amministrazione si è preoccupata, nella salvaguardia dell’incolumità pubblica, di mettere in sicurezza alcune strade delle frazioni con l’apposizione di guard rails, come a Vallefiorana, Cavignano, Monterocco, Colonna, Colle, Montadamo, Casamurana incrocio S. Pietro, Tirabotte, Palombare, Piagge».

«Sempre nell’ambito della messa in sicurezza, occorre segnalare l’eliminazione di situazione di pericolosità a Colonna, Coperso, Mulino di Ruto, Colloto, con la realizzazione anche di gabbionate».

«L’Amministrazione Comunale – dice l’assessore Silvestri – nei prossimi mesi ha intenzione di proseguire nell’opera di monitoraggio delle strade, con l’auspicio della collaborazione dei cittadini per segnalazioni, nonché compatibilmente con le risorse economiche, per ridurre i disagi di pedoni e portatori di handicap, sui marciapiedi migliorando i camminamenti».

«Per quanto  riguarda rua del Gufo ho dato mandato, appena ricevuto la  nota dei residenti, all’architetto Cesare Regnicoli, responsabile del settore, di studiare il caso.  Mi ha riferito la situazione  di controversia che si trascina da diverso tempo. La prossima settimana, giovedì 25 marzo, verrà convocata una conferenza di servizi tra tutti i soggetti  interessati, per dirimere questo legittima situazione di disagio».

«Nei prossimi giorni – conclude il Sindaco Castelli – sarà avviata la bitumatura di alcune strade quali via delle Begonie, Rosara, Caprignano, viale De Gasperi e viale Treviri».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 445 volte, 1 oggi)